Home Cinema Chiamami col tuo nome: il film di Guadagnino che dipinge perfettamente gli...

Chiamami col tuo nome: il film di Guadagnino che dipinge perfettamente gli anni ottanta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00
CONDIVIDI

Diretto da Luca Guadagnino e distribuito nel 2017, Chiamami col tuo nome è un film che indaga nell’animo di un giovane alle prese con la consapevolezza di sé.

Chiamami col tuo nome
Chiamami col tuo nome

Il cinema di Guadagnino è sempre d’impatto; passa dall’universo adolescenziale femminile – Melissa P. – ai drammi borghesi che sfociano in una passione dirompente – Io sono l’amore – fino al più recente confronto con il grande cinema horror – Suspiria. Una filmografia variegata, frutto anche di una presa di coscienza di sé, del proprio lavoro e di un lavoro di maturazione che in Chiamami col tuo nome raggiunge il suo apice.
Questa sera sarà riproposto in prima serata da Rai movie dalle ore 21.10

Leggi anche –> Gloria Bellicchi moglie Giampaolo Morelli, la luce in un momento difficile

Una lezione di educazione sentimentale

Chiamami col tuo nome
Chiamami col tuo nome

Chiamami col tuo nome affronta la confusione e l’alienazione giovanile attraverso gli occhi di Elio (Timothée Chalamet) che, ci teniamo a precisarlo, non è quella sessuale – sarebbe svilente definirla in tal senso. Il film è piuttosto la ricerca di un’educazione sentimentale che al protagonista manca e Guadagnino lo fa in un susseguirsi di scene che richiamano da un lato il modernismo di Antonioni – con quadri quasi fini a se stessi – e dall’altra il desiderio di autoidentificazione, cara ai grandi del cinema hollywoodiano anni sessanta – sebbene in chiave più intima e sentimentale.

Non è un caso che Guadagnino abbia scelto di ambientare il film proprio nel 1983; alla domanda sul perché abbia scelto quell’anno ha infatti risposto che è un anno storicamente molto importante, il tramonto di un’epoca che ha dato i suoi frutti, di cui ci nutriamo ancora oggi. Le lotte e l’apertura mentale che hanno portato avanti i ragazzi della generazione precedente – quella degli anni settanta – ha fatto sì che i genitori di Elio fossero in grado di capirlo e non giudicarlo, trasmettendogli anche un sapere emotivo positivo, che lo ha arricchito come persona.

Chiamami col tuo nome non è un film per i deboli di cuore, perché la sua profonda analisi dei sentimenti e le conseguenze che determinate scelte comportano, sono state rese dal regista in una chiave così profonda che il consiglio è quello di tenere a portata di mano una confezione formato famiglia di fazzoletti.

Leggi anche –> Morte Izumi Matsumoto, se ne va l’ideatore di E’ quasi magia Johnny