Home Cinema Hostiles: il western che racconta l’America e il razzismo di oggi

Hostiles: il western che racconta l’America e il razzismo di oggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30
CONDIVIDI

Hostiles, il western scritto e diretto da Scott Cooper e acclamatissimo dalla critica è molto più che un film di genere.

Hostiles
Hostiles

Distribuito nel 2018 e presentato anche alla dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma è un ottimo western, scritto prendendo tutto ciò che di buono c’è nel genere e mescolandolo in un ottimo equilibrio tra dramma e azione. Ma c’è di più; come ha sottolineato anche l’autore – Scott Cooper – anche se costruito come un western classico, Hostiles affronta pienamente tematiche dell’America di oggi. Non è infatti un segreto – e oggi ancora più di 3 anni fa – che gli Stati Uniti stanno vivendo un grosso problema razziale che infuoca i dibattiti e non trova soluzione.

A più di due anni dall’uscita in sala del film, Hostiles torna in prima serata su Rai Movie, più precisamente alle ore 21.20

Leggi anche –> Pulp Fiction di Quentin Tarantino: tutto quello che potreste non sapere

Hostiles: trama e trailer del film

Christian Bale in Hostiles
Christian Bale in Hostiles

Hostiles, ambientato nel 1892, racconta di un paese – gli Stati Uniti – in cui la rivoluzione industriale è al suo suo apice e i nativi americani sono stati via via sconfitti, facendo anche scomparire il mito della frontiera. Il film, che non ha paura di attingere alle migliori pellicole del genere, affronta la storia dal punto di vista dei nativi americani – cosa che in molti prima di lui non hanno avuto paura di fare – ma che, come anticipato, ha permesso al regista di essere diretto anche sui problemi più attuali del paese.

La pellicola racconta la storia di Joseph Blocker (Christian Bale), ex eroe e capitano di fanteria, ormai a fine carriera e diventato carceriere. proprio poco prima del pensionamento gli viene affidato un incarico: scortare il capo Cheyenne, ormai malato terminale, e la sua famiglia, dal New Mexico fino in Montana.

Sulle prime Blocker è riluttante e convinto che il Capo debba morire in prigione, ma viene convinto dalla possibilità di finire davanti alla corte marziale per la brutalità dei suoi crimini di guerra e e perdere così la pensione. La sua riluttanza va soprattutto addebitata al fatto che non solo molti suoi commilitoni sono morti per mano dei nativi, ma che molti di essi sono stati uccisi proprio da Falco Giallo.

Proprio all’inizio del viaggio l’uomo incontra la vedova Rosalie Quaid (Rosamund Pike), che ha dovuto assistere alla morte di tutta la sua famiglia da parte di una tribù nativa. Porterà con sé la donna, rimasta sola al mondo, ma i pericoli che correranno nel viaggio, lungo 1000 miglia, non è da sottovalutare. Il gruppo dovrà unire le forze e fronteggiare ogni tipo di pericolo, che non conosce distinzione di razza.

Oltre gli eccellenti Bale e Pike, il cast di Hostiles comprende un cast davvero variegato, passando per Rory CochraneJesse Plemons e Timothée Chalamet.

Leggi anche –> Luca Zingaretti in lutto: un addio doloroso da sopportare