Home Televisione Die Hard con Bruce Willis: un indimenticabile cult action

Die Hard con Bruce Willis: un indimenticabile cult action

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:30
CONDIVIDI

Universalmente riconosciuto come icona machista, John McClane è uno dei personaggi più famosi interpretati da Bruce Willis – protagonista della saga Die Hard.

Die Hard - Duri a Morire
Die Hard – Duri a Morire

Tutto ha inizio nel 1988 con Trappola di cristallo – per la regia di John McTiernan – ed è divenuta subito un cult per il genere azione. Protagonista un poliziotto decisamente distante dall’immaginario dell’epoca – caratterizzato dall’elegante agente segreto alla James Bond. Al contrario John McClane è rozzo e meno qualificato, ma proprio per questo perfetto per consentire allo spettatore medio di immedesimarsi.
Questa sera andrà in onda il terzo capitolo della saga, in cui Willis è affiancato da Samuel L. Jackson.
Per chi si fosse perso questo piccolo gioiellino action, è possibile recuperarlo questa sera su Rete4, ore 21.20

Leggi anche –> Paolo Bonolis “perdonato” da Sonia Bruganelli: non è stato facile

Die Hard – Duri a morire. Trama e Clip

Die Hard - Duri a Morire
Die Hard – Duri a Morire

Un centro commerciale nel centro di New York viene fatto esplodere: proprio mentre la polizia cerca di capire ancora cosa sia successo arriva una misteriosa chiamata. Dall’altra parte c’è un uomo di nome Simon e pretende che John McClane, poliziotto sospeso, sia subito reintegrato e giri per tutta Harlem con un cartello zeppo di insulti razziali. In caso contrario farà esplodere un altra bomba.

John viene prelevato di casa, sbronzo e lasciato ad Harlem con il suddetto cartello, a rischiare il linciaggio proprio per gli insulti. Un uomo di colore lo aiuta, Zeus Carver, e i due finiscono col fare coppia per il resto del film; una strana coppia, che riesce a malapena a far sì che un altro attentato, vicino Wall Street, non faccia ancora vittime.

Nel frattempo i federali scoprono l’identità di Simon; è il fratello del terrorista Hans Gruber, che John aveva punito nel primo capitolo della saga, ed ha tutte le intenzioni di vendicarsi per la morte del fratello.

Leggi anche –> Michelle Hunziker, si confessa: “La mia più grande paura”

Simon dice di aver nascosto un altro ordigno in una scuola di New York e sottopone la strana coppia a degli di indovinelli con lo scopo di fargli scoprire quale sia la scuola presa di mira. John scopre però che la scuola è un diversivo per qualcosa di più grosso: mentre tutti sono alle prese con il pericolo dell’attentato, Simon ripulisce il caveau di una grossa banca.

Una volta scoperto da McClane, Simon lascia credere di voler far esplodere anche il contenuto del caveau, ma è un altro bluff e tra mille peripezie John e Zeus dovranno impedire che Simon sorpassi il confine e fugga con il bottino.