Home Televisione Alfonso Signorini malattia, momento difficilissimo: vita a rischio

Alfonso Signorini malattia, momento difficilissimo: vita a rischio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:52
CONDIVIDI

Alfonso Signorini ha confessato qual è stato il momento più difficile di tutta la sua vita: il tutto è stato causato da una malattia, come sta oggi?

Alfonso Signorini
Alfonso Signorini

Alfonso Signorini è uno dei professionisti più apprezzati non solo nel campo della televisione ma anche del giornalismo (non a caso da tantissimi anni è direttore di Chi). Il suo recente passato, però, non è stato tutto rosa e fiori anche se lo ha sempre fatto in silenzio, senza farlo sapere alle folle.

Il tutto è accaduto nel 2011 quando, ancora conduttore di Kalispera, era stato colto da un malore nel bel mezzo del programma che stava conducendo in diretta tv.

Per questo motivo è stato portato in ospedale a Milano, al San Raffaele, per ulteriori controlli e soprattutto accertamenti del caso: l’attuale conduttore del Grande Fratello Vip ha scoperto di avere una malattia, la leucemia mieloide. Di certo il noto volto televisivo non si aspettava tutto questo, ma una cosa è certa: come ha lui stesso confessato, quello è stato il periodo più difficile di tutta la sua vita.

LEGGI ANCHE -> Alfonso Signorini, stoccata a Barbara D’Urso in diretta: è di nuovo lite?

Alfonso Signorini e la malattia: come sta oggi?

Gf vip Covid
Gf vip

In molti si chiedono come stia oggi Signorini che, per due volte a settimana, il lunedì ed il venerdì, vedremo in diretta tv davanti alle telecamere al timone del reality show di punta di questa stagione televisiva di Mediaset, su Canale 5.

Oggi, per fortuna, grazie alle cure, è riuscito a superare questo scoglio davvero difficilissimo della sua vita. Un grande aiuto, però, gliel’ha fornito anche qualcosa di inaspettato: la musica classica.

LEGGI ANCHE -> Alfonso Signorini e Pupo, il Gf Vip inizia tra le polemiche: cos’è successo?

Durante i suoi periodi più difficili, confessa il giornalista, l’uomo ha ascoltato Verdi, Puccini e tutti i grandi classici che gli hanno tenuto compagnia riuscendo a far passare quei momenti bui. E ci è riuscito.