Home News Gabriele Muccino vs Matteo Salvini, “Niente solidarietà”

Gabriele Muccino vs Matteo Salvini, “Niente solidarietà”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00
CONDIVIDI

Il regista Gabriele Muccino, autore di film strepitosi come L’ultimo bacio, ha voluto dire la sua su quanto accaduto a Matteo Salvini leader della Lega aggredito.

Gabriele Muccino
Gabriele Muccino (Fonte: Getty Images)

Sotto un post di Nicola Zingaretti è arrivato il commento. Il politico fratello di Luca aveva scritto: “Solidarietà a Matteo Salvini. Odio e Violenza non devono contaminare la politica. per i democratici è una responsabilità e un valore assoluto“. Leggermente diversa è stata la lettura del poeta filmico che ha scritto: “Solidarietà?!!!! A chi incita odio verso i più deboli? No, grazie, nessuna solidarietà. Non esageriamo. Non siamo tutti uguali e buoni. Ci sono differenze di comportamento che hanno delle conseguenze, anche comprensibili”.

Leggi anche —> Il compleanno di Muccino

Gabriele Muccino vs Matteo Salvini, cosa accade?

Gabriele Muccino su tutte le furie: parole forti
attends Giffoni Film Festival 2017 on July 22, 2017 in Giffoni Valle Piana, Italy.

Le parole di Gabriele Muccino contro Matteo Salvini risuonano e non sembrano legate al mondo dello spettacolo, anzi non lo sono per niente. In una democrazia è ovviamente libertà individuale poter esprimere la propria parola e un’idea in merito a quanto accaduto, rimane però da chiarire che il messaggio non deve arrivare nel contesto dello spettacolo. Siamo infatti su un livello diverso con l’obbligo di fare attenzione a quale contesto stiamo ammirando.

Leggi anche —> Muccino infuriato

Gabriele Muccino ha poi risposto anche al post del giornalista Andrea Scanzi che aveva sottolineato: “Solidarietà a Matteo Salvini per la vile aggressione subita, senza se e senza ma”. Il regista ha specificato: “Se quella è un’aggressione la condotta di continua aggressione di Salvini come la definiamo? Nessuna solidarietà da parte mia. Ogni comportamento ha una conseguenza. Quello che ho visto è per me uno sfogo doloroso e esasperato di una donna di cui non conosciamo la storia”.