Home Cinema Fahrenheit 9/11, l’11 settembre spiegato da Michael Moore

Fahrenheit 9/11, l’11 settembre spiegato da Michael Moore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30
CONDIVIDI

Sicuramente l’11 settembre rievoca un film in particolare quel Fahrenheit 9/11 diretto da Michael Moore nel 2004 e che fece grandissimo scalpore.

Fahrenheit 9/11
Fahrenheit 9/11

Il regista americano vinse la Palma d’oro al Festival di Cannes con quella che ancora oggi rimane la sua opera più completa. Il film si rifà al romanzo Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, per il quale esiste un film di Francois Truffaut, per il suo titolo. L’opera è nata da un’idea e soggetto dello stesso Moore che ha scritto la sceneggiatura, diretto il film e l’ha prodotto insieme a Jim Czarnecki e Kathleen Glynn. Mentre tra i produttori esecutivi troviamo anche il chiacchieratissimo Harvey Weinstein.

Leggi anche —> Le teorie sull’11 settembre

Fahrenheit 9/11, un film storico

Fahrenheit 9/11
Fahrenheit 9/11

Sicuramente Fahrenheit 9/11 di Michael Moore ha lasciato un solco nella storia del cinema, analizzando una delle più grandi stragi del mondo moderno quella legata appunto al crollo delle Twin Towers. All’interno del film documentario vengono analizzati particolari molto forti e crudi che testimoniano la sicura presenza di una realtà altra a noi sconosciuta. Dal film sono nati anche tra i politici tanti punti di domanda.

Il film incassò ben 222 milioni di dollari nel mondo, riuscendo a diventare di fatto il documentario ad incassare di più nella storia del cinema. In un’intervista ad Al Jazeera nel 2012 Moore aveva sottolineato che gli incassi avevano raggiunto approssimativamente il mezzo miliardo di dollari, una dichiarazione che non passa di certo inosservata.

Le critiche

Il film ha ricevuto però anche numerose critiche. Quello che si è arrabbiato di più è stato lo scrittore Ray Bradbury che non ha gradito l’utilizzo del titolo del suo libro in maniera per lui sbagliata come concetto. Alcuni politici, tra cui il democratico Ed Koch, hanno parlato di realtà distorta o peggio ancora falsa. Si è parlato di propaganda. Nonostante questo però il film ha di fatto regalato una pagina importante nella storia del cinema.