Home Personaggi Casa Lucio Battisti, tutto sul suo rifugio artistico: fan colpiti

Casa Lucio Battisti, tutto sul suo rifugio artistico: fan colpiti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30
CONDIVIDI

Casa Lucio Battisti: l’artista aveva trovato una dimora che per lui era diventato una sorta di vero e proprio rifugio artistico.Valeria Grazia Veronese moglie Lucio Battisti

Era il 9 settembre del 1998 quando Lucio Battisti ci ha lasciati definitivamente. Le sue canzoni però sono rimaste e questi aiuta a mantenere vivo il suo ricordo. ‘Emozioni’, ‘La canzone del sole’, ‘Il mio canto libero’, ‘Sì viaggiare’, ‘Pensieri e parole’, ‘Un’avventura’, ‘Acqua azzurra e acqua chiara’: questi soltanto alcuni dei suoi brani che hanno fatto la storia della musica italiana. C’è però un aspetto della sua vita che molto probabilmente in pochi sanno. Ma a che cosa ci si riferisce?

LEGGI ANCHE -> Patty Pravo su Lucio Battisti: “Ecco perchè il nostro legame era molto forte”

Casa Lucio Battisti, ecco las sua dimora artistica

Lucio Battisti

Il riferimento è alla sua casa, o meglio, a voler essere più precisi, a quella che è stata la sua penultima casa. Questa, come ha raccontato ‘Il Foglio’ in un articolo di un po’ di tempo fa, si trovava in largo Rio de Janeiro a Milano. Un luogo molto discreto, che sembra quasi essere l’emblema della riservatezza che ha sempre caratterizzato durante tutta la sua vita il cantante.Battisti abitava in una villetta indipendente con giardino, disposta su tre piani.

LEGGI ANCHE -> Mogol e Lucio Battisti: lite, canzoni, testi e discografia

Ed è proprio in quell’abitazione che, durante la prima metà degli anni ’70, cioè in quello che può essere senza alcun dubbi il decennio più lungo del secolo breve, l’artista è andato a vivere con Grazia Letizia Veronese. Ed è sempre lì nacque loro figlio Luca e diversi brani indimenticabili e che hanno fatto la storia, come ‘Emozioni’, ‘E penso a te’ e ‘Il mio canto libero’. Insomma, quello per lui era diventato una sorta di vero e proprio rifugio artistico. Ma ecco che, a distanza di anni, in quel luogo resta solo un giardino incolto di pochi metri quadrati, dove sopravvivono le rose di Battisti. Ma sono poche ed assediate dalle erbacce.