Home Personaggi Mirella Antonione Casale La Classe degli Asini, la sua grande lotta per...

Mirella Antonione Casale La Classe degli Asini, la sua grande lotta per i disabili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00
CONDIVIDI

Mirella Antonione Casale è la protagonista della storia narrata nel film ‘La Classe degli Asini’. Ma che cosa si sa sulla grande donna.

mirella antonione casale film

Stasera in onda su Rai Uno andrà in onda il film ‘La Classe degli Asini’. La pellicola narra e racconta la storia di Mirella Antonione Casale, il cui ruolo è interpretato da Vanessa Incontrada. Le vicende della donna sono davvero tutte da rivelare e da scoprire, in quanto hanno assunto una grandissima importanza. L’insegnante infatti si è battuta e ha lottato con tutte le sue forze per l’inclusione dei disabili nelle scuole.

LEGGI ANCHE -> Stasera in tv, film e programmi in chiaro: in onda oggi 31 agosto 2020

Mirella Antonione Casale La Classe degli Asini, la sua storia è tutta da raccontare

Il suo attivismo è senza alcun dubbio rimasto nella storia. Va detto che è grazie al suo lavoro e al suo impegno che è stata creata la figura dell‘insegnante di sostegno, che ancora oggi rappresenta una pietra miliare del nostro sistema scolastico. Questa svolta, arrivata con la legge n.517 del 1977, ha cambiato l’istruzione nelle scuole e ha definitivamente chiuso l’esperienza delle classi differenziali. ‘La Classe degli Asini’ parlerà di tutto questo, ma ovviamente anche di molto altro.

LEGGI ANCHE -> Stasera in tv, film e programmi Sky: in onda oggi 31 agosto 2020

Insomma, dopo ‘Il Sindaco Pescatore‘, che ha visto la partecipazione di Sergio Castellito e che è andato in onda ieri, un’altra storia importante, bella e particolare andrà in scena e in onda su Rai Uno. D’altronde la donna è diventata socia dell’ANFFAS Onlus nel 1964. La sua battaglia personale, come ha spiegato più volte la stessa Mirella Antonione Casale, si è sempre e comunque fondata principalmente su due articoli della Costituzione italiana: il 34, che dice che “la scuola è aperta a tutti”, e il 38 dove si può leggere che “gli inabili e i minorati hanno diritto a educazione e avviamento professionale”. Un personaggio davvero molto importanti dopo che per otto anni il riconoscimento di giudice onorario del Tribunale dei minori di Torino.