Home Personaggi Alfonso Signorini, quella volta che ha rischiato la vita

Alfonso Signorini, quella volta che ha rischiato la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:02
CONDIVIDI

Alfonso Signorini ha vissuto un periodo molto buio del quale ora parla con più serenità, ma che gli ha cambiato la vita, dandogli un’altra prospettiva.

Alfonso Signorini
Alfonso Signorini

Era il 2011 e Signorini era ospite nel salotto di Kalispera con la Ferilli e De Sica, quando sentì i sintomi della febbre in tutto il corpo e il sudore scendergli lungo la schiena. Fu trasportato in ospedale e dimesso il giorno stesso.

Quello seguente ricevette la chiamata che gli cambiò la vita per sempre: leucemia mieloide. Inizio le cure appena dopo Natale, alle quali fortunatamente reagì molto bene.

Un frontale a 300 all’ora” ha detto il Re del Gossip. Qualcosa di inaspettato che di punto in bianco ti obbliga a fermarti.

Leggi anche –> Alfonso Signorini, l’amore dopo la solitudine. Chi è?

Alfonso Signorini, la malattia gli ha cambiato la vitaAlfonso Signorini

Per quanto difficile sia stato Alfonso è fuori pericolo anche se dovrà curarsi per tutta la vita.

Oggi ringrazia la malattia per avergli dato la possibilità di comprendere il vero valore delle cose e delle persone, ricordando di circondarsi solo di quelle davvero importanti, lasciano le cattiverie e l’invidia fuori.

Leggi anche –> Alfonso Signorini, ennesimo rifiuto GFVip, trema.

La leucemia è arrivata proprio mentre era all’apice della sua carriera lavorativa, tra giornalismo e programmi tv. Secondo lui è stata una conseguenza della vita frenetica che faceva che a un certo punto gli ha brutalmente chiesto di mettersi un po’ in pausa.

Nello stesso periodo ha perso anche la mamma, colonna portante della sua vita.

Tra le persone che ringrazia di più c’è senz’altro Silvio Berlusconi che ha definito essere come un padre, un fratello che l’ha preso per mano nei momenti più difficili.

Oggi il conduttore si dedica a una routine meno stressante, anche se ha apertamente dichiarato che quella che faceva è servita, altrimenti ora non sarebbe dov’è.