Home Cinema Paolo Villaggio, “Il secondo tragico Fantozzi”: stasera su Rete 4 in prima...

Paolo Villaggio, “Il secondo tragico Fantozzi”: stasera su Rete 4 in prima tv

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
CONDIVIDI

Paolo Villaggio, nei panni del goffo Ugo Fantozzi, tornerà stasera in prima tv su Rete 4 con “Il secondo tragico Fantozzi”.

Il secondo tragico Fantozzi
Il secondo tragico Fantozzi, Paolo Villaggio

Correva l’anno 1976 quando venne trasmessa per la prima volta la pellicola di “Il secondo tragico Fantozzi” interpretata da Paolo Villaggio, nei panni di Ugo Fantozzi. Un film della durata di 110 minuti, composto da una serie di episodi, uno più divertente dell’altro.

Un personaggio ben fatto, tanto amato e apprezzato proprio perché rispecchia la vita di tante persone e personifica l’idea del “mondo contro.”

Infatti, Ugo, sembra non prendere mai la decisione giusta e questo è il motivo per il quale la vita in cambio gli regala solo tante divertenti sfortune e intoppi.

Sposato con Pina, interpretata da Liù Bosisio in questo film e da Milena Vukotic negli altri, una donna docile e affettuosa che tenta sempre in qualsiasi modo di far ragionare lo sbadato marito, indirizzandolo su una decisione meno spericolata. Chiaramente tutti i suoi sforzi saranno vani e il ragioniere continuerà a non ascoltarla.

Leggi anche –> Milena Vukotic è Pina Fantozzi, che rapporto aveva con Paolo Villaggio

Paolo Villaggio: a tre anni dalla scomparsa, non muore il ricordo

Ugo Fantozzi
Paolo Villaggio, Ugo Fantozzi

Era il 3 luglio 2017 quando l’amatissimo attore ci ha lasciati in seguito a complicanze dovute alla sua malattia, il diabete, che ha curato poco e male, a detta della figlia Elisabetta.

Nonostante ciò il suo ricordo rimane molto nitido e addirittura nel dizionario è stata insrita la parola Fantozziano, che sta ad indicare una persona goffa, tragicomica, impacciata e servile.

Leggi anche –> Paolo Villaggio, scelta Anna Mazzamuoro perché brutta

Nell’ultima intervista che ha rilasciato prima di morire spiega ancora una volta il perché decise di creare il personaggio del ragioniere, convinto già all’epoca che avrebbe fatto impazzire il pubblico. Soprattutto perché nella realtà era totalmente diverso da Fantozzi. 

Attore, scrittore, comico, sceneggiatore e doppiatore italiano, ha scritto la storia delle vecchie e nuove generazioni. Ineguagliabile uomo, colto e intelligente, lo ricorderemo per sempre con ammirazione e simpatia.