Home Cinema Elena Sofia Ricci, un grande dolore: la foto fa riaffiorar vecchio ricordi

Elena Sofia Ricci, un grande dolore: la foto fa riaffiorar vecchio ricordi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:47
CONDIVIDI

Elena Sofia Ricci ha postato una foto in compagnia di una persona speciale che purtroppo non c’è più: l’immagine fa riaffiorare vecchi ricordi, l’immagine.

Elena Sofia Ricci
Elena Sofia Ricci (Fonte: Getty Images)

Elena Sofia Ricci ha avuto modo di pubblicare un’immagine davvero molto toccante riguardante la sua vita privata, in particolar modo una figura davvero importante, seppur conflittuale, della sua vita: stiamo infatti parlando di sua madre Elena Ricci detta Pocetto.

Ecco il bellissimo ricordo che ha voluto condividere con tutti i suoi amatissimi fan e follower sui social network, in particolar modo su Instagram: la foto ha subito fatto il giro del web ed è diventata subito virale.

LEGGI ANCHE -> Elena Sofia Ricci, grande annuncio: è ufficiale, lo aspettava da tanto tempo

Elena Sofia Ricci, un grande dolore: “Sei il nostro angelo”

Elena Sofia Ricci
Elena Sofia Ricci (Fonte: Getty Images)

La famosissima attrice, che oggi è finalmente felice accanto a suo marito, ha avuto modo di pubblicare questa immagine e tutti noi, che abbiamo sentito le sue interviste, siamo sicuri non sia stato facile arrivare a questo punto dal momento che, come ha lei stessa confessato in una vecchia intervista rilasciata a Verissimo, è stata proprio lei a lasciare un segno davvero molto importante nella sua vita.

Ricordiamo che al donna, che è venuta a mancare nel 2018 all’età di 77 anni, è stata definita “il nostro angelo” e sono ormai due anni che è salita in cielo.

LEGGI ANCHE -> Stefano Mainetti marito Elena Sofia Ricci: l’amore dopo tanto dolore

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Due anni che sei il nostro angelo 💖

Un post condiviso da Elena Sofia Ricci OfficialPage (@elenasofiaricci_officialpage) in data:

E’ purtroppo stata lei, come ha sottolineato Elena Sofia Ricci, a consegnarla involontariamente tra le mani del suo carnefice: il riferimento è a quel drammatico episodio dello stupro che è avvenuto all’età di dodici anni da parte purtroppo di un amico di famiglia che loro consideravano fidato e sicuro.