Home Televisione Rai, licenziate tre conduttrici famosissime: non ci sono nei palinsesti

Rai, licenziate tre conduttrici famosissime: non ci sono nei palinsesti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:20
CONDIVIDI

Palinsesti Rai: le decisioni prese in viale Mazzini continua a far discutere e riflettere. A dare delle spiegazioni è stato l’agente Lucio Presta.

Rai programma

I palinsesti della Rai per la prossima stagione sono uno degli argomenti principali trattati in questi ultimi giorni. Alcune decisioni fanno discutere, perché inattese e sorprendenti. Al di là dello sfogo di Salvo Sottile, a balzare agli occhi è il taglio di tre conduttrici che tanto hanno dato alla tv di Stato. Il riferimento è a Lorella Cuccarini, Elisa Isoardi e Simona Ventura. Qual è il motivo di tutto questo? A provare a dare una spiegazione è stato il noto agente Lucio Presta.

LEGGI ANCHE -> Pierluigi Diaco ce l’ha con la Rai? Le sue parole

Palinsesti Rai, Lucio presta sulle conduttrici licenziate

Lucio Presta tensioni con Mediaset

Ventura, Cuccarini e Isoardi e altre credo che faranno la loro parte nei prossimi palinsesti televisivi. C’è ancora molto da fare in Tv per loro. Ogni anno la stessa storia, poi i conti si faranno alla fine”, queste le parole, arrivate via social network. Ma a cosa sono legate queste parole? La Isoardi, che ha abbandonato e salutato ‘La Prova del Cuoco’, sarà tra i concorrenti di ‘Ballando con le stelle’. E tra l’altro il direttore di Rai Uno Coletta ha dichiarato che si sta ragionando per affidarle un programma nel 2021. La Ventura? SuperSimo sarebbe in attesa di notizie ufficiale da quel di viale Mazzini. Chissà che cosa potrebbe succedere.

LEGGI ANCHE -> Simona Ventura conquista tutti in bikini

Un discorso a parta merita la chiacchieratissima  Lorella Cuccarini, protagonista di un addio a dir poco polemico e al vetriolo a ‘La Vita in Diretta’. Per lei le indiscrezioni, le voci e i rumors parlerebbero di una possibile conduzione de ‘Lo Zecchino d’oro’, ma per ora non ci sarebbero conferme. Insomma, un minimo di normalità dovrebbe esserci, ma ora non resta che attendere quello che accadrà e succederà.