Home News Yari “abbraccia” Ylenia Carrisi, anche se solo per un momento: la foto

Yari “abbraccia” Ylenia Carrisi, anche se solo per un momento: la foto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28

Yari Carrisi posta un’immagine davvero molto commovente in cui ricorda uno degli ultimi abbracci con Ylenia Carrisi, sua sorella scomparsa da 27 anni.

Daniela D'Urso contro Yari Carrisi

Yari Carrisi ha postato un’immagine davvero molto commovente che fa ritornare indietro la memoria al passato, quando era felice insieme a sua sorella Ylenia Carrisi e poteva ancora abbracciarla, persi totalmente nell’ingenuità della giovinezza, quando si è piccoli ed i problemi non sembrano esistere.

Oggi, purtroppo, la realtà è ben diversa: la ragazza, infatti, è scomparsa da ormai 27 anni e non si hanno più sue notizie da ormai tantissimo tempo. Ecco la foto che ha fatto riaffiorare nella mente tantissimi, bei vecchi ricordi.

TI POTREBBE INTERESSARE: Ylenia Carrisi, Albano non ci sta e risponde a tono: il cantante è furioso

Yari Carrisi e l’ultimo abbraccio con Ylenia Carrisi 

ylenia carrisi
Ylenia Carrisi

Ecco la foto che ha pubblicato quando i due erano piccoli che ha letteralmente fatto commuovere tutti i suoi fan e follower che ancora oggi ricordano la piccola di casa Carrisi-Power con tantissimo affetto e sperano davvero possa essere ancora viva e che si possa finalmente ritrovare e tornare a casa.

TI POTREBBE INTERESSARE: Romina Power, si riaccende la speranza: Ylenia Carrisi è viva?

yari carrisi ylenia carrisi
Yari Carrisi e Ylenia Carrisi da piccoli

Come sappiamo, infatti, purtroppo la ragazza è scomparsa e da quel momento ci sono state tantissime voci a riguardo tra chi sostiene e dice che sia ancora viva e chi invece dice sia morta. Una cosa però è certa: tutte le piste che ci sono state fino ad oggi non hanno portato ad alcun risultato e tutte quante, in tempi più o meno celeri, si sono rivelate false e senza alcun fondamento. Albano più di una volta ha chiesto in toni più o meno pacati di fare attenzione alle parole ed alle tematiche trattate e, soprattutto, di smettere di parlare inutilmente di questa storia e di utilizzare il nome della sua famiglia soltanto per fare audience.