Home Musica Levante e Diodato di nuovo vicini: cosa è successo

Levante e Diodato di nuovo vicini: cosa è successo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:42
CONDIVIDI

Levante e Diodato si sono ritrovati vicini per una giusta causa. Ma qual è stato il motivo che ha portato i due ex a rincontrarsi?

Levante e Diodato: il loro amore in 5 canzoni

Il rapporto tra Levante e Diodato ha fatto chiacchierare e non poco il mondo del gossip e dei social network, soprattutto durante l’ultimo Festival di Sanremo, dove i due sono stati entrambi protagonisti. I due ex hanno sempre portato grande rispetto l’uno per l’altro, pur senza entrare nei dettagli della loro rottura. Oggi però i due artisti si sono ritrovati insieme dopo molto tempo. Ma qual è stato il motivo?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Levante e Diodato: il loro amore in 5 canzoni

Levante e Diodato, ecco perché si sono rincontrati

Vieni da me Levante Diodato

Il tutto è avvenuto in occasione di un flash mob che si è tenuto in quel di Milano. I due erano presenti, nsieme ad altri artisti, in piazza Duomo. L’obiettivo era quello di sostenere i lavoratori del mondo dello spettacolo, troppo spesso dimenticati in questo periodo. Nelle foto della manifestazione i fan non hanno potuto non notare che i due ex fidanzati si sono ritrovati uno accanto altro e in prima fila. Nessun ritorno di fiamma ovviamente, visto che la siciliana ha già ribadito in più di un’occasione di esser sentimentalmente legata a un altro uomo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Diodato accende l’Arena, ma Levante si sfoga su Instagram

Levante nell’ultimo periodo è molto attiva e presente su Instagram ed è proprio qui che ha voluto spiegare le ragioni della sua partecipazione: “Oggi ero in Piazza Duomo a Milano insieme ad altri colleghi e addetti ai lavori della filiera musicale per fare luce su un settore dimenticato, durante questa emergenza, che conta centinaia di migliaia di lavoratori. Questa causa mi riguarda perché riguarda il mondo lavorativo di cui faccio parte, di cui fanno parte grandi e piccoli artisti, grandi e piccoli tecnici, grandi e piccoli organizzatori di eventi, grandi e piccoli management”.

View this post on Instagram

21 Giugno 2020. Sono tante le cose in cui credo, sono positive e sono belle. Sono tante le cose per cui mi batto, sono giuste e meritano la mia voce. Oggi ero in Piazza Duomo a Milano insieme ad altri colleghi e addetti ai lavori della filiera musicale per fare luce su un settore dimenticato, durante questa emergenza, che conta centinaia di migliaia di lavoratori. Questa causa mi riguarda perché riguarda il mondo lavorativo di cui faccio parte, di cui fanno parte grandi e piccoli artisti, grandi e piccoli tecnici, grandi e piccoli organizzatori di eventi, grandi e piccoli management. Sono di certo spinta da senso civico, senso di partecipazione e di curiosità e comprensione rispetto a un settore che necessita di approfondimento e studio. Voglio ringraziare le persone accanto e attorno a me in questa foto… grazie a voi anche oggi ho imparato la differenza tra il dire e il fare. ❤️ #iolavoroconlamusica #senzamusica Ph. @francescoprandoni

A post shared by L E V A N T E (@levanteofficial) on

Un messaggio ha voluto scriverlo anche Diodato: “Questa mattina, in piazza Duomo a Milano. Festa della musica #senzamusica. Un momento di silenzio nella giornata che celebra tutti i valori universalmente riconosciuti della Musica“. Insomma, i due si sono ritrovati uniti in questa importante battaglia.

View this post on Instagram

Questa mattina, in piazza Duomo a Milano. Festa della musica #senzamusica. Un momento di silenzio nella giornata che celebra tutti i valori universalmente riconosciuti della Musica. Proprio in queste ore, tanti musicisti torneranno a suonare, tanti tecnici e professionisti del nostro settore a prestare le proprie competenze, finalmente, e sono felicissimo per tutti loro. Spero siano tutti giustamente retribuiti e tutelati. So che in tanti si uniranno a questo gesto silenzioso durante le proprie esibizioni per chiedere al nostro governo di considerare il pacchetto di emendamenti presentati che ci riguardano da vicino. In questi mesi ho avuto modo di conoscere molti professionisti, esperti e rappresentanti di cooperative e associazioni che lavorano da anni per migliorare le condizioni dei lavoratori del mondo dell’Arte e dello Spettacolo. Li ho incontrati nel FAS, Forum Arte e Spettacolo, a cui partecipano anche realtà come Doc Servizi, La Musica Che Gira, Note legali, e molte altre, e ho provato ad approfondire le numerose questioni e problematiche del nostro lavoro. Ho ancora tanto da imparare, anzi, direi che sono solo all’inizio di un percorso di approfondimento che è oltretutto spesso minato dai tanti impegni, ma vedere così tanta unità, così tante persone splendide, generose, competenti e civilmente agguerrite, mi fa ben sperare per il futuro. Non sarò certo io a risolvere i problemi del nostro settore, saranno persone come loro. Io posso solo camminargli accanto, fiero, e chiedere a chi ha il potere di cambiare le cose, di ascoltarli. #iolavoroconlamusica #senzamusica #festadellamusica #festasenzamusica

A post shared by Diodato (@diodatomusic) on