Home Televisione Antonella Clerici torna a sorridere: per Maelle era un periodo difficile

Antonella Clerici torna a sorridere: per Maelle era un periodo difficile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59
CONDIVIDI

Antonella Clerici è al settimo cielo dal momento che sua figlia Maelle, finalmente, dopo tantissimo tempo, può finalmente tornare a sorridere.

Antonella Clerici foto Instagram
Antonella Clerici

Antonella Clerici è letteralmente al settimo cielo per quanto concerne sua figlia Maelle che, dopo un periodo davvero duro e molto difficile, può finalmente tornare a sorridere e, di conseguenza, anche la mamma lo è.

La figlia della nota conduttrice di Rai Uno, infatti, ha avuto modo di tornare in compagnia del suo amatissimo cavallo, un vero e proprio punto di riferimento per lei, dopo tantissimi mesi passati necessariamente a distanza.

TI POTREBBE INTERESSARE: Antonella Clerici si mostra senza filtri e censure: “Oggi mi sento così”

Antonella Clerici, Maelle torna a sorridere: era un periodo difficile

antonella clerici la prova del cuoco

Il rapporto tra la figlia di Antonella Clerici Maelle, che lo ricordiamo è stata adottata da lei e dal suo ormai storico compagno Vittorio Garrone, e questo cavallo è davvero stupendo.

Tutti noi ce ne siamo accorti già soltanto dall’ultima foto che la mamma ha deciso di pubblicare: una bellissima immagine in cui si può notare la ragazza in sella al proprio fedele amico che galoppa nel prato verde, in mezzo alla natura.

TI POTREBBE INTERESSARE: Antonella Clerici, ricordo commovente: impossibile dimenticare quei momenti

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Maelle ritrova la sua cavallina❤️ #montawestern🐴 grazie a @buckaroodrew e #nataliaestrada😍

Un post condiviso da Antonella Clerici (@antoclerici) in data:

Insomma, finalmente dopo tantissimo tempo anche la piccola di casa può tornare a sorridere dopo un periodo buio in cui necessariamente la pandemia globale ha fatto il suo corso ed ha costretto tutti quanti a delle restrizioni obbligatorie quanto, purtroppo, necessarie per ridurre non solo ovviamente i casi positivi ma anche e soprattutto i decessi.

Adesso, però, che siamo entrati nella fase due possiamo finalmente tornare a sorridere. E lei pure.