Home Senza categoria Viviana Varese, chi è? La chef stellata racconta le sue battaglie

Viviana Varese, chi è? La chef stellata racconta le sue battaglie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37
CONDIVIDI

Viviana Varese è una delle chef più note e che ha una storia davvero molto particolare. Ecco quali sono le sue più grandi battaglie.

Viviana Varese

Viviana Varese è una delle chef più note al grande pubblico, anche grazie ad alcune sue partecipazioni televisive, tra cui senza alcun dubbio spicca quella a ‘Masterchef‘. Anche lei, come gran parte dei ristoratori italiani, sta vivendo con grande difficoltà questo clima di allarme sanitario e di crisi economica. La donna ha raccontato la sua storia e le sue battaglie in una lunga e interessante intervista, rilasciata ai microfoni de ‘Il Corriere della Sera’.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Gianfranco Vissani, ecco come sta trascorrendo la sua quarantena

Viviana Varese, ecco quale sarà la sua prossima sfida

Viviana ha rivelato in più di un’occasione gli ostacoli che ha dovuto affrontare e quello a cui andrà incontro d’ora in poi. Queste le sue parole: “Mi sento in bilico tra l’idea di non riaprire più e quella di riaprire in un modo che ancora non conosco. Il mio ristorante ‘Vivo a casa’ è la mia vita. Avevo bisogno di tornare a lavorare, perché ferma stavo ingrassando e anche di finire in depressione. Ho lavorato dalle 6 del mattino a mezzanotte per una settimana. Non mi succedeva da oltre vent’anni, da quando a noi campani trasferiti in Lombardia, eravamo chiamati terroni”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Alessandro Borghese in crisi profonda: il dramma dello chef

La Varese non è certo il primo personaggio del mondo della cucina che ha trattato questi argomenti senza peli sulla lingua. Ma qual è la sua idea per ripartire? È stata lei stessa a provare a illustrarla: “In attesa di capire le regole definitive, mi sono venute in mente delle idee. Io l’asporto non lo farò, ma continueremo con i menu a domicilio. E potremmo fare anche gli chef a domicilio, cioè manderò i ragazzi della brigata a casa delle persone a cucinare, perché tanti avranno paura di uscire. E poi penso che stravolgerò il ristorante, perché dai 60 coperti attuali ne farò massimo 40 o addirittura 20. Non per una questione di spazi, ma di sicurezza“. Insomma, parole fin troppo chiare.