Home Personaggi Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, chi era il padre di Rita Dalla...

Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, chi era il padre di Rita Dalla Chiesa?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59
CONDIVIDI

Il generale Carlo Alberto dalla Chiesa è uno degl uomini più importanti della storia del nostro Paese. Ma ecco quello che c’è da sapere su di lui

generale carlo alberto dalla chiesa

Il generale Carlo Alberto dalla Chiesa è senza alcun dubbio stato uno degli uomini più importanti della storia del nostro Paese. Entrato nell’arma durante la seconda guerra mondiale, si è messo in mostra negli anni ’70 per aver combattuto in prima linea il terrorismo. La svolta per lui arriva però nel 1982, quando viene nominato prefetto di Palermo. L’incarico del papà di Rita dalla Chiesa è quello di contrastare la mafia, in particolare Cosa nostra.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Giorgio Ambrosoli, chi era? Carriera, vita privata dell’eroe borghese

Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, la sua morte e il ricordo della figlia Rita

Rita Dalla Chiesa e Carlotta Mantovan

La sua serrata attività contro la criminalità organizzata dura però fin troppo poco. Il 3 settembre 1982, intorno alle ore 21, viene infatti barbaramente ucciso dalla stessa mafia. Una morte che colpisce molti cittadini comuni, che si presentano in massa al suo funerale, protestando per l’accaduto. Per la strage di via Carini sono stati condannati all’ergastolo i capi di Cosa Nostra Totò Riina, Pippo Calò, Bernardo Brusca, papà di Giovanni Brusca, e Michele Greco, ma anche gli esecutori materiali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Giovanni Falcone fratello Maria Falcone: 27 anni dalla Strage di Capaci

A parlare del generale è sta più volta sua figlia Rita, noto volto televisivo. Più volte la donna ha raccontato come il padre fosse una persona forse un po’ troppo scomoda per qualcuno: “Lo Stato si è dimenticato di noi. Affetto dalle istituzioni? Molto apparentemente. I livelli alti non ci sono mai stati vicini. Quando mio fratello Nando scrisse ‘Delitto imperfetto’, dove faceva nomi e cognomi, la Rai non gli ha mai aperto le porte. Per tutti era una responsabilità troppo grande. L’unico ad ospitarlo è stato Maurizio Costanzo. Gli altri non volevano sapere, vedere e ascoltare“. Insomma, una morte che per lei risulta ancora difficile da digerire.