Home Cinema Tom Cruise si rifiuta di recitare: il motivo è nobile, ma è...

Tom Cruise si rifiuta di recitare: il motivo è nobile, ma è polemica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:19
CONDIVIDI

Tom Cruise si è rifiutato di continuare a recitare durante le riprese del nuovo capitolo di Mission Impossible a Venezia: il motivo è nobile, ma è caos.

tom cruise
Tom Cruise

E’ un vero e proprio caos quello che ruota attorno a Tom Cruise nelle ultimissime ore dal momento che l’attore, che in questo periodo era impegnato nelle riprese di Mission Impossibile, l’ultimo capitolo della saga che andavano in scena a Venezia, città nella quale l’attore è bloccato.

Il famosissimo attore americano, infatti, si è rifiutato di recitare per un motivo davvero bellissimo e molto nobile, ma il caos è comunque scoppiato attorno a lui e, anche se sembra incredibile, la realtà dei fatti è che il mondo del web sulla vicenda si è divisa.

TI POTREBBE INTERESSARE: Jack Reacher – La prova decisiva, trailer e trama del film con Tom Cruise su Paramount Channel

Tom Cruise si rifiuta di recitare: è polemica

tom cruise
Tom Cruise

Ma andiamo con ordine: il motivo per il quale l’uomo ha deciso di non andare avanti con il suo lavoro va ricercato nel fatto che la produzione non ha ancora devoluto, come da lui richiesto, tutto il suo ingaggio per il film alle popolazioni più colpite dalla pandemia globale.

TI POTREBBE INTERESSARE: Tom Cruise, da 6 anni non vede la figlia Suri: lo ha deciso Scientology

Il desiderio dell’attore di Top Gun, infatti, era quello di girare tutti i proventi proprio alle imprese, alle città più colpite da questo lockdown ma sembrerebbe che ci siano dei ritardi nei pagamenti e per questo motivo, con grande coraggio, l’uomo ha preso questa decisione.

Sul web e sui social la notizia è subito diventata virale, tuttavia c’è chi pensa che questo non sia un atteggiamento professionale, al netto comunque del fatto che le sue intenzioni sono davvero buone.

Insomma, se da una parte c’è chi applaude per questa bellissima causa, dall’altra parte c’è chi lo condanna: come si suol dire, il lavoro è lavoro. Anche per lui, a quanto pare.