Home Musica Franco Califano e Mia Martini: il simbolo della loro unione artistica

Franco Califano e Mia Martini: il simbolo della loro unione artistica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:00
CONDIVIDI

Franco Califano è stata uno dei cantautori che ha collaborato con Mia Martini. La canzone ‘Minuetto’ è il simbolo di quest’unione artistica.

Franco Califano
Franco Califano (Getty Images)

‘Io sono Mia’. Questo il titolo del docu-film dedicato a Mia Martini, che andrà in onda stasera su Rai Uno. Un modo per omaggiare la cantante calabrese, scomparsa prematuramente e drammaticamente 25 anni fa. Mimi ha senza alcun dubbio fatto la storia della musica italiana. A testimoniarlo e a dimostrarlo sono anche le sue numerose collaborazioni con altri importanti artisti, come per esempio Franco Califano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Alberigo Crocetta, chi è il discografico che ha scoperto Mia Martini?

Franco Califano e Mia Martini, ecco come nasce ‘Minuetto’

Il rapporto canoro ha toccato l’apice, grazie a ‘Minuetto’. Questo grano infatti nel 1973 è entrato direttamente al secondo posto nella top-ten dei 45 giri più venduti, dove è restato per ben 30 settimane consecutive, risultando il settimo singolo di maggior successo di quell’anno. Ma non è tutto. La Martini si è aggiudicata anche un disco d’oro, nonché la seconda vittoria consecutiva al Festivalbar, cosa che in precedenza era riuscita solamente a Lucio Battisti. Ma qual è la storia di questa canzone?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Ivano Fossati ex fidanzato Mia Martini: ecco perchè lo chiamano Andrea

Inizialmente la scrittura è stata affidata a a Maurizio Piccoli e Bruno Lauzi, ma i due autori non sono riusciti a trovare le parole efficaci. Ed è per questo che è entrato in scena Franco Califano. Questa la sua spiegazione: “Il nostro incontro risale al 1973. Avevo appena finito di comporre ‘Minuetto’ e ho subito capito che Mia Martini avrebbe colto perfettamente tutte le sfumature del pezzo. E infatti ha vinto il Festival d’Europa e il Festivalbar. Il nostro rapporto? Non ci legava una frequentazione assidua, anzi sono poche le occasioni nelle quali io e Mia ci siamo ritrovati vicini a parlare di musica, di quella musica che per lei era in qualche modo uno strumento di liberazione, un modo per dimenticare“. Parole, che spiegano fin troppo bene i due personaggi.