Home Cinema Pinocchio, Matteo Garrone dirige una favola legata alla tradizione

Pinocchio, Matteo Garrone dirige una favola legata alla tradizione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:15

Pinocchio è la nuova reintrepretazione della favola di Carlo Collodi stavolta girata da Matteo Garrone e con Roberto Benigni nel cast. Parteciperà ai David di Donatello 2020.

Pinocchio
Pinocchio

Il film è candidato per due categorie e cioè Miglior Film e Migliore Regia proprio con Matteo Garrone. A differenza di tanti altri film sulla questione questo ci porta a 360° dentro al cuore di un bambino di legno. Questi si troverà a dover affrontare dolore e grande sofferenza per cercare di sopravvivere in un mondo che non lo capisce e lo vuole solo sfruttare. Troveremo tutti da Geppetto, interpretato abilmente da Roberto Benigni, fino al Grillo Parlante, Mangiafuoco, la fata turchina, Lucignolo fino al Gatto e la Volpe interpretati da Massimo Ceccherini e Rocco Papaleo.

Pinocchio, il viaggio in una fiaba

Pinocchio
Pinocchio

Pinocchio di Matteo Garrone è stato prodotto da Archimede insieme a Rai Cinema, Le Pacte, Recorder Picture Company. Invece è stato distribuito dalla 01 Distribution. La fotografia è curata da Nicolaj Bruel, mentre il montaggio dal solito Marco Spoletini. Alle musiche troviamo Dario Marianelli, mentre le scenografie sono opere di Dimitri Capuani. I costumi li ha curati Massimo Cantini Parrini, il trucco Mark Coulier e lo storyboard è di Giuseppe Liotti.

Leggi anche —> Chi è il bimbo che ha interpretato Pinocchio?

Nel cast al fianco di Roberto Benigni troviamo nei panni del protagonista Federico Ielapi. Nel cast ci sono anche Rocco Papaleo, Massimo Ceccherini, Marie Vacth, Gigi Proietti, Alida Baldari Calabria, Alessio Di Domenicantonio, Maria Pia Timo, Davide Marotta e molti altri ancora. Il sapore della favola, il grande taglio di regia e tanti momenti emotivi ci portano dentro un viaggio che sicuramente è stato apprezzato dal pubblico. La critica invece ha un po’ bacchettato la pellicola di Garrone che si discosta di molto dai suoi incubi e non ci mostra i soliti “mostri” portati sullo schermo anche a volte tratti dalla vita quotidiana.