Home Televisione Mara Venier, incubo finito: finalmente ha potuto abbracciarlo

Mara Venier, incubo finito: finalmente ha potuto abbracciarlo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50

Mara Venier finalmente può gioire: la conduttrice di Domenica in è al settimo cielo dal momento che ha potuto riabracciare una persona speciale.

Mara Venier

Mara Venier si commuove per ciò che è successo. La conduttrice attendeva questo momento ormai da parecchio tempo e non pensava nemmeno potesse ancora arrivare questo fatidico giorno, quello in cui si entrava nella fase due per poterlo abbracciare di nuovo, ma finalmente è arrivato.

TI POTREBBE INTERESSARE: Mara Venier: “Jerry Calà era un putt***e, sai quante botte gli ho dato”

Mara Venier, incubo finito: il video con suo nipote Claudio

Mara Venier, la minaccia a Rai 1

Stiamo infatti parlando del fatto che la conduttrice di Domenica In finalmente ha avuto modo di poter vedere nuovamente dal vivo il uso amatissimo nipote Claudio, il quale è stato immortalato con lei in un video di pochissimi secondi su Instagram in cui lei, nei panni ormai intramontabili della “zia” più famosa d’Italia, lo insegue mentre lui sta correndo nel giardino di casa.

Seppur in un modo un po’ goffo, la gioia nei suoi occhi ed in quello che scrive traspare: le lacrime scendono copiose nei suoi occhi ed il commento è davvero commovente. Non commuoversi in tal senso è praticamente impossibile: chiunque abbia vissuto una relazione a distanza, di qualunque tipo, sia filiale sia d’amore, sa di che cosa stiamo parlando. Ecco il video davvero molto commovente.

TI POTREBBE INTERESSARE: Nicola Carraro marito Mara Venier: la “minaccia” non passa inosservata

Ecco suo nipote Claudio che ha subito fatto commuovere tutti e che mostra nuovamente un lato davvero molto umano della conduttrice storica di Rai Uno, la quale si dimostra sempre una delle persone più semplici, umili e divertenti non solo del mondo della tv ma anche e soprattutto nella sua vita quotidiana in cui si diverte nel mostrarsi sempre più “come noi”, come le persone “normali” immerse nelle quotidianità di tutti i giorni.