Home Streaming Netflix: primo trimestre col botto per la piattaforma di streaming

Netflix: primo trimestre col botto per la piattaforma di streaming

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:30
CONDIVIDI

Netflix rende noti i dati del primo trimestre del 2020: è record assoluto di abbonati. Ecco perché e come ci si aspetta che evolva la situazione.

La Casa di Carta
La Casa di Carta

Netflix, la piattaforma di streaming più famosa del pianeta, incassa un altro successo in questi tempi di quarantena, il colosso canadese ha infatti reso noti i dati di crescita del primo trimestre del 2020: 15,77 milioni è il numero dei nuovi abbonati, che vanno ad aggiungersi a tutti quelli che già avevano effettuato l’iscrizione alla piattaforma, per un totale complessivo che sfiora l’astronomica cifra di 183 milioni.

Questi numeri sono stati chiaramente agevolati dal lockdown che ha costretto tutti in casa ed ha portato la gente ad inventarsi modi novi per passare il tempo, ma anche la pubblicizzazione di titoli importanti e di successo, uno tra tutti, La Casa di Carta 4, hanno sicuramente agevolato l’ascesa del titano.

POTREBBE INTERESSARTI: NETFLIX, LE MIGLIORI SERIE TV DA VEDERE AD APRILE 2020

Netflix: una crescita che potrebbe rallentare?

Quotazioni in borsa
Quotazioni in borsa

Se molti settori risentono della crisi derivante dagli effetti della pandemia, lo streaming cresce in maniera esponenziale e tra tutte le piattaforme, Netflix è può vantare una posizione ormai consolidata che le ha dato la possibilità di raccogliere risultati più importanti rispetto alle altre. In particolare l’aumento costante dell’offerta con titoli di qualità, solo questo mese abbiamo già parlato di titoli come La Casa di Carta 4, The Midnight Gospel, The Last Dance, Bews Brothers, Fauta, After Life, Summertime, Never have I ever, Tigertail e Sergio solo per limitarci ad alcune delle uscite di maggiore interesse del mese di aprile 2020.

POTREBBE INTERESSARTI: NETFLIX, QUOTAZIONE IN BORSA ALLE STELLE: COS’È SUCCESSO?

Questi dati, se da una parte sono molto positivi per l’azienda, dall’altra potrebbero essere così legati alla pandemia in atto da poter subire una fisiologica flessione al ribasso nel momento in cui il lockdown finirà e la gente potrà tornare a riprendere le proprie abitudini di sempre. La Netflix stessa ha pronosticato una contrazione del numero degli abbonati specie nell’ultimo trimestre dell’anno, dovuta proprio ad un auspicabile rientro alla normalità. Al momento in sostanza può dirsi che esiste una certa correlazione tra la crisi sanitaria in atto e la crescita della Netflix, così come delle altre piattaforme di streaming, occorrerà aspettare per capire cosa accadrà, specie considerando la fase di stallo in cui si trovano le nuove produzioni.