Home Streaming Unorthodox, esperimento riuscito per la nuova serie Netflix

Unorthodox, esperimento riuscito per la nuova serie Netflix

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04
CONDIVIDI

Unorthodox: la nuova serie Netflix sta registrando un successo clamoroso. Ecco quali sono gli ingredienti che la fanno amare tanto.

Unorthodox
Unorthodox

Unorthodox è la nuova mini serie Netflix in quattro episodi ispirata alla vera storia di Deborah Feldman, autrice del best seller autobiografico Unorthodox: The Scandalous Rejection of My Hasidic Roots che racconta la sua storia, quella di una donna di origini ebraiche costretta a sposarsi in giovane età con un uomo che non ama.

Etsy, questo è il nome della protagonista di Unorthodox, è una ragazza che fugge dalla comunità ebraica di Williamsburg in cerca della sua libertà. Mi sono già occupata della storia e della trama di Unorthodox in questo articolo, che ti consiglio di leggere.

POTREBBE INTERESSARTI: UNBREAKABLE KIMMY SCHMIDT TORNA SU NETFLIX MA IN MODALITÀ INTERATTIVA

Unorthodox: gli ingredienti che determinano il successo della nuova serie Netflix

Unorthodox
Unorthodox

Unorthodox mette di fronte ad una realtà semisconosciuta e lo fa in maniera forte e cruda, riuscendo a raggiungere l’anima del telespettatore. La trasposizione cinematografica del libro è strutturata in modo da sembrare una documentazione molto realistica della vita della protagonista, una ragazza che non riesce a sentirsi a proprio agio nella pelle che le hanno cucito addosso. Questo la porterà a fuggire a Berlino, dove però il sapore della libertà sarà frammisto a quello del tormento continuo che torna direttamente dalla sua comunità di appartenenza.

POTREBBE INTERESSARTI: OUTER BANKS SARÀ UN FLOP? ECCO PERCHÈ LA NUOVA SERIE NETFLIX NON CONVINCE

Probabilmente la realizzazione di una serie yiddish ha un grandissimo significato da un punto di vista culturale e soprattutto sociale, perché consente ai profani di capire cosa c’è dietro ad una realtà che è talmente distante dalla nostra da sembrare appartenente ad un’altra epoca, perché è così che vivono ai giorni nostri gli yiddish.

L’interpretazione di Shira Haas ha poi dello straordinario, l’attrice 25enne israeliana colpisce per il modo in cui riesce a ridurre la sua interpretazione all’essenziale, non si vede nient’altro che la donna che interpreta, con tutto il suo immenso e profondo dramma. Non c’è dubbio che questa serie possa consacrarla nell’olimpo delle grandi attrici anche a livello internazionale.