Home Cinema Roberto Benigni, una nuova emozione lo commuove

Roberto Benigni, una nuova emozione lo commuove

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:40
CONDIVIDI

L’attore Roberto Benigni ha ricevuto un altro importante riconoscimento per il suo lavoro attoriale, ottenendo una nomination al David di Donatello.

Roberto Benigni
Roberto Benigni (Getty Images)

Roberto Benigni torna a ricevere di nuovo un importante riconoscimento del suo lavoro d’attore, ottenendo la nomination al David di Donatello.

Migliore attore non protagonista è la categoria in cui rientra Benigni, per aver interpretato il ruolo di Geppetto nel film Pinocchio di Mattero Garrone.

Dopo ben 14 anni di assenza del mondo del cinema, di cui l’ultimo film era stato nel 2004 La tigre e la neve, Benigni si è cimentato in questa nuova impresa cinematografica volta a raccontare la storia di uno dei libri più famosi del mondo.

LEGGI ANCHE —> Keanu Reeves, il sosia brasiliano che fa impazzire il web

Benigni stesso nel 2002 avevo voluto raccontare le vicende di Pinocchio nel film omonimo di cui curò la regia, la sceneggiatura e la produzione, pellicola però che non ebbe il successo sperato.

Nel ruolo di Geppetto per il film di Matteo Garrone, Benigni però riesce nuovamente a toccare il pubblico e farlo commuovere, come è sempre stato solito fare in passato.

Roberto Benigni, i David di Donatello

Roberto Benigni
Roberto Benigni (Fonte: Getty Images)

Nella sua lunga carriera Roberto Benigni ha già ottenuto ben 5 David di Donatello.

Il primo fu vinto nel 1989 come Miglior attore per l’interpretazione de Il piccolo diavolo.

Gli altri quattro premi li ottenne invece nel 1998 per il suo capolavoro La vita è bella, di cui vinse Miglior sceneggiatura, Miglior film, Miglior regia e Miglior attore.

LEGGI ANCHE —> John Travolta, il lutto e quella morte che fa male ancora oggi

Adesso lo rivediamo nuovamente in nomination per questo premio così prestigioso e importante per il cinema italiano.

I suoi competitors come Migliore attore non protagonista sono Carlo Buccirosso per “5 è il numero perfetto”, Fabrizio Ferracane e Luigi Lo Cascio per “Il traditore” e Stefano Accorsi per “Il campione”.

In realtà pare che si diano per favoriti maggiormente i film di Bellocchio e di Garrone, ma non resta dunque che scoprirlo l’8 maggio su Rai1, quando ci dovrebbe essere la serata di premiazione condotta da Carlo Conti.