Home Streaming Netflix, Whatsapp e Apple: come evitare la trappola del phishing

Netflix, Whatsapp e Apple: come evitare la trappola del phishing

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:17
CONDIVIDI

Attacchi di phishing diretti agli utenti Netflix, WhatsApp ed apple: come evitare i rischi derivanti dall’estorsione di dati sensibili.

phishing netflix
phishing

A quanto pare gli attacchi di phishing si stanno concentrando sugli utenti di Netflix, Apple e WhatsApp, ragione per cui occorre prestare la massima attenzione e tenere gli occhi ben aperti per evitare di rimanere vittime di truffa.

Per chi non lo sapesse, il phishing è una truffa informatica che viene effettuata normalmente tramite un’email che sembra provenire da un istituto di credito o da una società di commercio elettronico in cui si invita il destinatario a fornire alcuni dati sensibili (es. dati di accesso ai servizi di home banking, numero di carta di credito), motivando la richiesta con ragioni di carattere tecnico. Il fine ultimo chiaramente è quello di sottrarre dati sensibili in modo da poterne trarre profitto.

POTREBBE INTERESSARTI: NETFLIX, QUOTAZIONE IN BORSA ALLE STELLE: COS’È SUCCESSO?

Netflix, Whatsapp e Apple sono le piattaforme più a rischio di phishing, come evitarlo

phishing
phishing

Negli ultimi tempi i tentativi di phishing si sono evoluti divenendo sempre più sofisticati e sempre più credibili, non solo per persone meno esperte, ma anche per chi è più avvezzo a fare i conti con questo tipo di realtà. Ultimamente è stato registrato un incremento dei tentativi di phishing per gli utenti di Netflix, WhatsApp e Apple, che hanno ricevuto messaggi creati con l’intento di sottrarre le informazioni relative alle carte di credito registrate sulle relative piattaforme.

POTREBBE INTERESSARTI: NETFLIX E BOOM! STUDIOS: ACCORDO SIGLATO, CAMBIA TUTTO

Quali strategie operare per tenere al sicuro i propri dati? Occorre prestare massima attenzione a tutti quei messaggi ed email che richiedono l’aggiornamento dei propri dati con tanto di link per un accesso diretto: molto spesso infatti non ci si connette al sito cui si ritiene di essere connessi, ma ad un sito clone, quasi identico all’originale, messo però in piedi solo per finalità illecite quali la sottrazione di dati sensibili. Quando si ricevono questi messaggi non bisogna assolutamente cliccare sui loro link e soprattutto è necessario eliminarli immediatamente.