Home Televisione Coronavirus, Fiordaliso in lutto: “Non ce l’ha fatta”

Coronavirus, Fiordaliso in lutto: “Non ce l’ha fatta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:05
CONDIVIDI

Fiordaliso, nell’ultima puntata di ‘Live- Non è la D’Urso’ ha raccontato quello che è accaduto alla madre. Ecco le sue parole.

Fiordaliso

Un racconto straziante, commovente e molto toccante. Questo è quello che è accaduto a ‘Live – Non è la D’Urso’ con protagonista Fiordaliso. La cantante ha infatti qualche giorno fa perso la madre, affetta da Coronavirus. La malattia ha colpito la stessa artista, la sorella e il padre. Quest’ultimo fortunatamente è riuscito a cavarsela, nonostante sia stato ricoverato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, grande perdita per l’Italia: addio a un grande uomo

Fiordaliso si commuove: le sue parole a ‘Live – Non è la D’Urso’

Fiordaliso

Non so chi si è ammalata per prima, se io o la mia mamma. L’ho accudita per 5 giorni, ma poi è andata in ospedale e io non l’ho più vista. Per me è molto difficile da raccontare quanto è successo. Mia mamma per 11 giorni non l’ho sentita. Poi mi è arrivata una telefonata. Era mia mamma che mi ha detto “Sto morendo”. Mi ero promessa di non piangere, ma non ce la faccio. Sono qui per dire di stare a casa. I tuoi cari non li puoi accompagnare negli ultimi istanti della loro vita e questo è un qualcosa di davvero terribile“, queste le parole, rotte della commozione, di Fiordaliso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, Fabio Rovazzi in lutto: “Ti ho visto sparire”

La cantante quindi appare distrutta per non aver potuto dare il suo ultimo saluto alla madre. Lei stessa è però comunque stata male e ha avuto la febbre. “Io ho capito di essermi ammalata quando hanno portato via mia madre e mi hanno detto che aveva il Coronavirus. Mio padre è stato ospedalizzato, anche lui ha fatto il tampone e ha avuto bisogno dell’ossigeno. Io non ho fatto il tampone, ma l’8 aprile andrò a fare il test per sapere se sono negativa. Papà farà ancora otto giorni a casa. Devo comunque dire che i medici sono meravigliosi“. Insomma, un racconto davvero toccante.