Home Musica Coronavirus, Red Canzian è furioso e senza parole

Coronavirus, Red Canzian è furioso e senza parole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:47
CONDIVIDI

Red Canzian è intervenuto durante la puntata odierna di ‘Domenica In’. Il suo è stato un vero e proprio sfogo contro chi non sta rispettando le regole.

Red Canzian

Red Canzian è stato uno degli ospiti della puntata odierna di ‘Domenica In’, trasmessa su Rai Uno e condotta come sempre da Mara Venier. L’ex membro dei Pooh è stato in collegamento da Treviso e ha parlato, in compagnia del sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, dell’emergenza Coronavirus, che sta tenendo bloccato l’intero Paese a causa dell’allarme sanitario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, Mara Venier sbaglia tutto a ‘Domenica In’

Coronavirus, lo sfogo di Red Canzian: ecco le sue parole

Il coronavirus ci sta tenendo distanti dai nostri affetti e da tutte quelle cose che forse prima davamo per scontate. Ora sono a Treviso, in casa, ma posso fare il nonno col mio nipotino Gabriel solo su Skype. Devo dire che purtroppo c’è gente che mi fa arrabbiare. Mi riferisco a chi continua a uscire, perché forse non ha capito che il virus non si sposta da solo, ma lo fa con noi e con i nostri movimenti. Se noi ci fermassimo per un po’ forse si fermerebbe anche il virus”, queste le parole dell’ex bassista dei Pooh.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, lo sfogo dello chef Giorgio Locatelli: le sue parole

Uno sfogo in piena regola quello di Red Canzian, che poi ha voluto provare a essere un po’ ottimista e riflessivo: “Mi auguro una cosa, ossia che, quando ne usciremo,a  riusciremo a  farlo da italiani. Dobbiamo sentirci più italiani e lo dico senza connotazioni politiche. Intendo dire che, quando ripartirà tutto, andremo in vacanza in Italia, non alle Maldive, in Kenya o a Parigi. Sono sempre stato europeista, ma visto come ci stanno trattando, ora ho voglia di comprare prodotti italiani e andare in vacanza in Italia“. Insomma, questo è stato l’augurio dell’artista, che ha cercato di incoraggiare e stimolare i suoi connazionali.