Home Cinema Onward – Oltre la magia: Disney Pixar supera i limiti

Onward – Oltre la magia: Disney Pixar supera i limiti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:47

Onward – Oltre la magia è l’ultimo gradevole film targato Disney Pixar dove stupore, fantasia e mondi inventati prendono vita. Da non perdere.

Onward - Oltre la magia, la Disney Pixar modernizza il genere fantastico
Onward – Oltre la magia, la Disney Pixar modernizza il genere fantastico

Con Onward – Oltre la magia di Dan Scanlon la Disney Pixar ritorna all’attivo, dopo l’ottimo successo ottenuto con Toy Story 4 lo scorso anno.

Il nuovo coloratissimo film Pixar con protagonisti personaggi fantastici ci introduce in un universo inventato e suggestivo, dove a farla da padrone sono i sentimenti e le emozioni.

In questo mondo incantato (che sembra essere uscito da un classico della Disney) la fantasia sbuca da ogni poro e ci trascina in rocambolesche avventure.

Un posto magico che però ha perso e dimenticato negli anni i valori della mitologia e delle tradizioni antiche, per via di una modernità sempre più frenetica ed asfissiante.

L’appiattimento culturale e le divergenze tra classi sociali hanno indebolito e annientato le fondamenta su cui si basava la vita nell’antichità, ma non tutto è perduto e qualcosa di grande sta per accadere.

Il regista Dan Scanlon con Onward – Oltre la magia (autore dell’ottimo Monsters University, antefatto del sublime Monsters & Co. diretto da Pete Docter, Lee Unkrich e David Silverman) riesce nell’intento di raccontarci una storia fantastica che sa divertire ed appassionare spettatori di ogni età, grazie anche a quel piccolo tocco di realismo che non guasta mai nei lavori Disney Pixar.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> L’uomo invisibile, Leigh Whannell rivede un classico di H.G.Wells

Onward – Oltre la magia: recensione e trama del film Disney Pixar

Onward - Oltre la magia, la Disney Pixar modernizza il genere fantastico
Onward – Oltre la magia, la Disney Pixar modernizza il genere fantastico

Onward – “Oltre la magia” racconta di due fratelli, Ian e Barley Lightfoot che vivono in questa piccola città abitata da creature oscure e personaggi buffi, all’apparenza in completa armonia e solidarietà.

Ben presto i due baldi giovani si ritroveranno a partecipare ad una missione rischiosa e pericolosa, dove dovranno appianare le loro divergenze e unire le forze per sconfiggere il male e un passato fin troppo ingombrante.

L’avventura che intraprenderanno diventerà ad un certo punto della vicenda in poi anche una sorta di monito per tutte le generazioni, affinché riscoprano tutti i veri valori della vita.

Il regista Dan Scanlon trae ispirazione dalla sua vita per mostrarci un mondo fatato, che non è altro che una trasposizione della realtà in versione cartoonesca, forse un po’ meno crudele e cattiva di quello che è realmente.

Anche in questo ultimo lavoro Disney Pixar non mancano i momenti drammatici e più intimi, dove i personaggi si raccontano e si esaminano più e più volte.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, Cinema di isolamento (interiore ed esteriore)

La formula “animazione più temi adulti” ben oliata negli anni, che ha portato a grandi successi come WALL•E, Up, Inside Out e Coco, in questo caso purtroppo viene a mancare, non tanto per una sbagliata scelta alla base del progetto, ma perché semplicemente si voleva fare un film che potesse coinvolgere maggiormente un pubblico più infantile.

Il risultato finale è comunque convincente e non snatura più di tanto il classico modus operandi del famoso team di sviluppo.

Onward – Oltre la magia è un film forse meno bello rispetto ai precedenti, con un’ultima parte un po’ frettolosa e mal gestita, ma che sa riprendersi nello stupendo finale che vi farà commuovere ed emozionare.

Dan Scanlon è bravo a fondere insieme la realtà con la fantasia, per alcuni versi anche con un pizzico di nostalgia dei bei tempi andati.

Il nuovo lavoro Disney Pixar risulta riuscito proprio perché pur trattando temi più per bambini, allo stesso modo sa come intrattenere lo spettatore grazie alla travolgente magia che fuoriesce.

Il viaggio è solo l’inizio, mai la fine. Ritrovare se stessi e poi gli amici cari e i parenti è l’unica cosa che realmente conta.

Dunque salite a bordo del furgoncino di Barley e godetevi questo breve, ma piacevole viaggio in compagnia sua e dei suoi simpatici amici.

Il trailer del film