Home News Coronavirus, Kledi Kadiu si commuove: il suo messaggio agli italiani

Coronavirus, Kledi Kadiu si commuove: il suo messaggio agli italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:54
CONDIVIDI

Kledi Kadiu ha voluto lanciare un messaggio importante ai suoi fan italiani. Ecco quali sono state le parole commosse dell’albanese.

Kledi Kadiu

Kledi Kadiu è stato molto probabilmente uno dei personaggio più importanti lanciato dalla trasmissione ‘Amici’. Il ballerino, di origini albanesi, in questo periodo molto complicato a causa dell’emergenza sanitaria creata dal Coronavirus, ha voluto lanciare un messaggio commovente a tutti i suoi fan, principalmente però a quelli italiani. Il riferimento è a quanto fatto dal suo Paese in aiuto all’Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, ecco l’iniziativa di Federica Pellegrini

Coronavirus, Kledi Kadiu lancia un messaggio agli italiani

L’Albania ha infatti destinato ben 30 medici all’Italia per aiutare i nostri ospedali a combattere l’emergenza creata dal Coronavirus. Le parole di Kledi su quanto accaduto, dette in un’intervista rilasciata ai microfoni della nota agenzia ‘Adnkronos’, sono davvero molto toccanti e commoventi: “Stiamo restituendo quello che l’Italia ha dato all’Albania, accogliendoci e offrendoci un futuro. È quello che è accaduto anche a me. Sono davvero molto fiero del mio Paese e di quello che ha fatto“. Kadiu ha anche stuzzicato l’Europa, sottolineando come si è tutto alle prese con lo stesso nemico e che quindi si dovrebbero adottare misure comuni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Léa Kadiu figlia Kledi e Charlotte Lazzari: età bambina

Il ballerino ha poi raccontato come sta vivendo questi giorni di quarantena, passati con sua moglie Charlotte Lazzari e sua figlia Lea: “Andiamo insieme in moto, anche se qualche volta Lea preferisce il monopattino, naturalmente solo nel garage sotto casa. Poi leggiamo i cartoni animati che l’asilo, che frequenta, ha inviato agli allievi per spiegare, per esempio, cosa sia il Coronavirus. Cos’altro faccio? Io sto mettendo a posto il mio archivio di vecchie casette digitali, riversandole finalmente sul computer“. Poi ovviamente c’è anche da parte sua l’appello a tutelare alcuni mondi che vengono dimenticati, a partire da quello della danza, che rischia di vivere una difficile crisi economica e finanziaria.