Home Musica Strisce Abbey Road Beatles, il Coronavirus paradossalmente in aiuto

Strisce Abbey Road Beatles, il Coronavirus paradossalmente in aiuto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:48
CONDIVIDI

Tutti conoscono le strisce di Abbey Road per la presenza nella famosa copertina dei Beatles e tanti racconti arrivati poi negli anni a seguire.

Abbey Road
Abbey Road

Dai vestiti simbolo del quartetto inglese, fino a Paul Mc Cartney scalzo perché la leggenda vuole in realtà sostituito da un sosia dopo la morte. Ora il lockdown per il Coronavirus ha paradossalmente aiutato questo pezzo di storia permettendo il nuovo tinteggiamento. A sottolinearlo è l’Independet che riporta anche delle foto diventate molto rapidamente virali. La famosissima foto fu scattata dalle ore 11.35 dell’8 agosto del 1969 visto che a quell’ora era garantito scarso passaggio di vetture.

Strisce Abbey Road Beatles, il Coronavirus paradossalmente in aiuto

Le strisce di Abbey Road per l’attraversamento pedonale, protagoniste di una copertina dei Beatles, nel 2010 sono divenute sito di importanza nazionale. Per la manutenzione dunque serve sempre e comunque un’autorizzazione da parte di un’autorità nazionale. L’iniziativa è stata subito apprezzata dal pubblico con Twitter che è impazzito sull’hashtag #AbbeyRoad.

La via si trova tra il borgo di Camden e quello di Westmister. Ospita i noti studi di registrazione Abbey Road Studios. Fu realizzata all’inizio del 1800 e divenne famosa appunto per i Beatles. Sono tanti i personaggi che hanno deciso nel tempo di posare sulle famose strisce tra cui anche Margaret Thatcher. In un momento di estrema difficoltà per il paese, e più in generale per il mondo, questa situazione fa almeno sorridere ricordando un pezzo di storia del novecento della nostra Europa.