Home Musica Coronavirus, Francesco Facchinetti è in ginocchio e chiede aiuto

Coronavirus, Francesco Facchinetti è in ginocchio e chiede aiuto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Francesco Facchinetti si sfoga su Instagram: il cantante e presentatore ha voluto confessare sul social il suo stato d’animo nelle ultime ore.francecsco facchinetti

Facchinetti Jr è molto attivo, in questi giorni, sui suoi canali social, dove ci tiene a condividere con i suoi follower le sue emozioni, contrastanti in queste giornate difficili.

Nelle storie su Instagram ha confessato di essere molto preoccupato “per la sua Bergamo”, la città dove ha abitato per tanto tempo e dove abita ancora suo padre, Roby Facchinetti. Francesco ha dichiarato, che per la prima volta in 40 anni ha avvertito in suo padre la paura.

Facchinetti Jr ha annunciato che Roby ha composto, in questi giorni, una canzone dedicata proprio alla sua città, Bergamo, tra le più colpite dall’emergenza Coronavirus. Francesco ha invitato tutti ad ascoltare questa canzone: “Rinascerò, Rinascerai”. Tutti i proventi che arriveranno a Roby Facchinetti per questa canzone, saranno devoluti all’ospedale Pio XXIII di Bergamo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Facchinetti fa piangere i fan

Francesco Facchinetti confessa: “Sto piangendo da due orefrancesco facchinetti

Facchinetti ha voluto condividere su Instagram un pensiero, scaturito dopo l’intervento in diretta di Papa Francesco, del 27 marzo: “Sto piangendo da due ore” – confessa Francesco – “Quando il Papa ha detto ‘Pensavamo di vivere sani in un mondo malato’ ha riassunto tutto”. Sicuramente le parole del Santo Padre hanno colpito tutti in un’atmosfera che fino a qualche tempo fa sembrava impossibile.

Leggi anche —-> Roby Facchinetti devastato dal dolore

Ora c’è l’obbligo di stare tutti virtualmente vicini per combattere un nemico comune e cercare di uscire da una situazione davvero molto complicata. L’obbligo è quello di avere la forza per rialzare la testa e dimenticare il prima possibile questa paradossale situazione. Staremo a vedere quanto tempo ci vorrà, ma di certo c’è la consapevolezza che potrebbe durare ancora un po’ questo isolamento. L’obbligo di stare a casa ora diventa ancora più importante di ieri e lo sarà ancora di più domani.