Home Televisione Una mamma di plastica, Io e la mia ossessione: il dramma di...

Una mamma di plastica, Io e la mia ossessione: il dramma di Lacey

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:48
CONDIVIDI

Io e la mia ossessione va in onda stasera su Realtime: la seconda puntata sarà incentrata su Lacey, “mamma di plastica”. Chi è?

Io e la mia ossessione mamma plastica
Io e la mia ossessione, “la mamma di plastica”

Nuovo appuntamento su Realtime, alle 21,20, con Io e la mia ossessione. Stasera due puntate: la seconda sarà dedicata a Lacey, detta “la mamma di plastica”.

Si tratta della quinta stagione del programma Io e la mia ossessione; stasera scopriremo la storia di Lacey, ossessionata dagli interventi chirurgici. Nella puntata precedente sarà invece raccontata la strana passione di…per le api.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Vite al limite: come sta oggi Bethany Stout?

Io e la mia ossessione: la storia di Lacey

Io e l mia ossessione Lacey mamma di plastica
Io e la mia ossessione

Lacey è “una mamma di plastica”: la donna ha 44 anni e si è già sottoposta a ben 30 interventi di chirurgia plastica. La protagoista della seconda puntata di stasera di Io e la mia ossessione, non riesce proprio a smettere di fare interventi per “migliorare” il suo aspetto e ne progetta sempre di nuovi.

Ogni puntata del programma è incentrata sulle stranezze o meglio le “ossessioni” davvero bizzarre che, alcune persone, non riescono proprio ad evitare. Nel primo episodio di questa sera di parlerà anche di un’ossessione davvero pericolosa: quella per le api.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> John e Lonnie Hambrick di Vite al limite: un rapporto difficile

In altre puntate di Io e la mia ossessione, abbiamo ascoltato le stranezze più assurde: mangiare carta igienica, bere i detersivi, ingoiare i peli dei gatti. Alcuni di queste bizzarre manie sono classificate come veri e propri comportamenti ossessivo-compulsivi, curabili attraverso specifiche terapie. Ovviamente le ossessioni di queste persone, come nel caso di Lacey, “la mamma di plastica” ostacolano e rendono difficili i rapporti  affettivi con i loro cari.