Home Cinema Figli Alberto Sordi, perché non è mai diventato padre?

Figli Alberto Sordi, perché non è mai diventato padre?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:01
CONDIVIDI

Alberto Sordi non ha avuto figli, ma perché non è mai diventato padre? L’uomo non si sposò mai e decise di non lasciare eredi.

A chi glielo chiedeva Albertone rispondeva che non si sposava perché “Non mi posso mette un’estranea in casa”. Legatissimo alla famiglia d’origine non era riuscito a trovare la donna giusta o forse non aveva voluto approfondire i rapporti con un fidanzamento di nove anni con Andreina Pagani che rimase la storia più lunga della sua vita.

POTREBBE INTERESSARTI: IL FILM SU ALBERTO SORDI IN ONDA IN PRIMA TV SU RAI 1

Figli Alberto Sordi, perché non è mai diventato padre?

Non ebbe figli Alberto Sordi, forse anche perché, come aveva detto in diverse interviste, i suoi tanti impegni professionali gli impedivano di avere una famiglia e di occuparsene come avrebbe dovuto. Per questo non ha mai approfondito la questione e non si è mai sposato. Ma sarà questo l’unico motivo? Fatto sta che l’attore romano non ha lasciato eredi se non la sorella Aurelia.

POTREBBE INTERESSARTI: CHI ERA LA STORICA FIDANZATA DI ALBERTO SORDI?

Personaggio dal grande carisma fu però padre nei suoi film. Sicuramente la storia che lo vede più nei panni del genitore risulta essere “Un borghese piccolo piccolo”. Nel film Albertone era l’impiegato Giovanni Vivaldi che aveva fatto di tutto per cercare di far trovare un lavoro al figlio Mario neo diplomato ragioniere, interpretato da Vincenzo Crocitti. Proprio il giorno del concorso però il ragazzo fu ucciso scatenando la sete di vendetta del padre pronto ad alzare la testa per la prima volta dopo tanti soprusi nella sua vita da impiegato.

Alberto Sordi rappresentava nella seconda parte degli anni settanta quella classe lavorativa che finalmente aveva trovato la forza per alzare la testa e dare una risposta con orgoglio e grande determinazione. Fu grazie anche a questa parte che dimostrò al pubblico come un attore comico possa diventare facilmente drammatico, ma che are il processo inverso era assai più complicato. Non rimase l’unico ruolo da padre, perché anche in Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy Alberto fu in grado di sciorinare un’altra prova da grandissimo attore del cinema del pianto.