Home Televisione Marco Liorni vs Mauro Coruzzi: gaffe a ‘Italia Sì’

Marco Liorni vs Mauro Coruzzi: gaffe a ‘Italia Sì’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:03

Marco Liorni vs Mauro Coruzzi: ecco che cosa è successo durante la trasmissione ‘Italia Sì’, con una vera e propria gaffe a microfono aperto.

Marco Liorni vs Mauro Coruzzi

‘Italia Sì’ è il programma del sabato pomeriggio di Rai Uno. La trasmissione, ideata e condotta da Marco Liorni, non si ferma neanche durante l’emergenza e l’allarme sanitario per il Coronavirus. Nessun ospite in studio, ma tanti collegamenti con esperti del settore, opinionisti e persone comuni. Presenti, oltre a Liorni, Rita Dalla Chiesa, Manuel Bortuzzo ef Elena Santarell. Il  tutto nel mentre è in collegamento dalla proprio dimora Mauro Coruzzi. Ed è proprio quest’ultimo uno dei protagonisti di una vera e propria gaffe.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Sandra Milo, ecco la sua rovinosa caduta a ‘Italia Sì’

Marco Liorni vs Mauro Coruzzi, ecco che cosa è successo

Marco Liorni

Il conduttore stava ricordando, con l’aiuto di un video, le notizie più importanti sull’argomento Coronavirus, soffermandosi sui casi che negli ultimi giorni si sono registrati nel Sud Italia. Il tutto è frutto a quanto pare del grande esodo dal Nord, soprattutto da Milano, che è avvenuto al momento della chiusura totale della Lombardia. A riportare questa notizia sono tra l’altro stati i grandi quotidiani italiani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, lo sfogo di Fiorello: ecco che cosa ha detto

E proprio mentre Marco Liorni stava discutendo di questa notizia e riportandola ai telespettatori, Coruzzi si è lasciato andare ad un commento a dir poco emblematico: “Che co…ni!“. Una frase detta pensando di non esser sentito. Il suo microfono però era aperto e a ricordarglielo è stato il conduttore, con un tono di rimprovero nei suoi confronti: “Mauro, sei aperto!“. Insomma, una vera e propria gaffe che non è certo passata indifferente e che ha creato un certo imbarazzo in studio. E il tono del presentatore l’ha spiegato e fatto capire fin troppo bene.