Home News Giancarlo Magalli furioso con la Rai: la decisione lo ha fatto arrabbiare

Giancarlo Magalli furioso con la Rai: la decisione lo ha fatto arrabbiare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:26
CONDIVIDI

Giancarlo Magalli era furioso con la Rai che ha preso una decisione importante riguardo a I Fatti Vostri a causa del coronavirus: ecco cos’è successo.

giancarlo magalli

Giancarlo Magalli si è arrabbiato con i vertici Rai che hanno preso una decisione importante riguardante I Fatti Vostri, il programma mattutino che l’uomo conduce ormai da tantissimi anni.

A causa della recente epidemia del coronavirus, infatti, si è optato per non portare in studio l’orchestra che ormai da tanti anni è diretta da Demo Morselli insieme al cantante Graziano Galatone.

I due addirittura non farebbero proprio più parte del programma e, da quando è iniziata l’epidemia di Covid-19, si è optato per fare a meno di questa parte della trasmissione in onda su Rai Due oggettivamente non necessaria per la riuscita del programma.

Il conduttore, però, in diretta si è lamentato di questa decisione pur aggiungendo che obbedirà all’ordine imposto dall’alto.

TI POTREBBE INTERESSARE: Giancarlo Magalli rivela: “Vi dico la verità su Adriana Volpe”

Giancarlo Magalli contro la Rai: I Fatti Vostri senza orchestra

giancarlo magalli

Magalli ha infatti dichiarato, al termine del programma, come abbia una notizia da dare e che sicuramente i telespettatori avevano già notato: a I Fatti Vostri non c’è più l’orchestra, nonostante lui non sia stato d’accordo con la decisione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Laura Torrisi e Leonardo Pieraccioni, spunta un retroscena inaspettato

Allo stesso tempo, però, riconosce che in un’azienda esistano due tipi di persone: chi dirige e chi obbedisce e lui appartiene a questa seconda fascia.

Insomma, nonostante la delusione del conduttore nei confronti della scelta da parte della tv di Viale Mazzini per prevenire qualsiasi tipo di contagio, la motivazione è molto più che valida dal momento che la salute viene prima di qualsiasi cosa. Musica compresa.

Non è tuttavia chiaro al grande pubblico se in un secondo momento, quando tutto questo sarà passato, l’orchestra rientrerà a pieno regime oppure, come si teme, verrà proprio accantonata dopo tanti anni.