Home News Nek, bel gesto contro il coronavirus: il cantante non è mai banale

Nek, bel gesto contro il coronavirus: il cantante non è mai banale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:37
CONDIVIDI

Nek, nome d’arte di Filippo Neviani, ha compiuto un gesto davvero bellissimo per aiutare gli ospedali contro il coronavirus: ecco che cos’ha fatto.

Nek.

Filippo Neviani, in arte Nek, si è sempre distinto, oltre che per il suo talento, anche e soprattutto per la sua bontà d’animo e la sua sensibilità: insomma, si è sempre mostrato in prima linea quando è stato il momento di donare e fare solidarietà. Questa volta non ha fatto eccezione ed il gesto che ha compiuto per combattere il coronavirus ed aiutare l’ospedale di Modena è davvero bellissimo.

Il cantante emiliano, infatti, così come tantissimi suoi colleghi più o meno famosi, hanno deciso di condividere sui social le coordinate per fare le donazioni ed aiutare i reparti di terapia intensiva ad avere più posti letto e più forze fresche per contrastare l’emergenza.

Le sue storie su Instagram sono diventate ben presto virali ed i fan si sono commossi nel sentire il loro cantante preferito, un vero e proprio beniamino i cui concerti sono sempre sold out, lanciare un messaggio così bello ed importante.

TI POTREBBE INTERESSARE: Nek, dopo lo scherzo delle Iene: “E’ caduto un mito”

Nek, bel gesto contro il coronavirus: fan commossi

nek

Il messaggio social di Nek contro il coronavirus è un vero e proprio campanello d’allarme per tutti i suoi follower: chi più e chi meno, chiaramente in base alle proprie tasche, sono invitati a fare una donazione per aiutare l’ospedale di Modena in questo caso, che purtroppo sta vivendo una vera e propria emergenza.

Il sovraffollamento, infatti, non permette di far lavorare al meglio l’ospedale e tutto lo staff sanitario presente all’interno: sono necessari molti più fondi che al momento quella struttura, così come tantissime altre nel nostro paese, non possiede.

TI POTREBBE INTERESSARE: Patrizia Vacondio moglie Nek, così hanno superato il tradimento

nek coronavirus