Home Cinema Isabella Ragonese è Agnese Ciulla, il difficile ruolo della madre dei migranti

Isabella Ragonese è Agnese Ciulla, il difficile ruolo della madre dei migranti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:09
CONDIVIDI

L’attrice Isabella Ragonese si è recentemente cimentata nell’interpretare il ruolo di Agnese Ciulla, l’assessora di Palermo conosciuta come ‘grande madre’.

Isabella Ragonese
Isabella Ragonese (Fonte: Getty Images)

Isabella Ragonese, attrice, regista teatrale e drammaturga italiana, ha recitato nel film Tutto il giorno davanti che tratta della vita di Agnese Ciulla, assessora di Palermo conosciuta con l’epiteto di “grande madre”.

Si è trattato di un ruolo molto importante per la Raragonese, che ha potuto portare in scena un personaggio straordinario, che ha dedicato la sua vita all’impegno per aiutare il prossimo.

LEGGI ANCHE —> Angelina Jolie, gli interventi chirurgici delle figlie: cosa è successo?

Infatti, Agnese Ciulla è stata assessore alla cittadinanza sociale del Comune di Palermo nella Giunta di Leoluca Orlando, dal 2012 al 2017.

La donna ha vissuto, specialmente nel 2014, un periodo di grandi sbarchi di migranti, molti dei quali erano minori non accompagnati e dunque completamente soli e senza genitori né diritti legali.

Proprio per questo motivo Agnese Ciulla ha deciso di prendersi carico di più d 900 bambini e ragazzi migranti diventandone tutore legale.

Isabella Ragonese, la carriera

Tutto il giorno davanti
Tutto il giorno davanti

Isabella Ragonese nasce nel 1981 a Palermo e ben presto nella giovinezza consegue il diploma di recitazione alla Scuola Teatès.

Il primo film che la vede partecipe è Nuovomondo di Emanuele Crialese, uscito nel 2006.

Una grande opportunità arriva nel 2008 quando recita il ruolo di Marta nel film Tutta la vita davanti di Paolo Virzì, che la porta ad una candidatura ai Nastri d’argento come migliore attrice protagonista.

Nello stesso anno è stata anche interprete nel film Viola di mare, a fianco a Valeria Solarino e diretta da Donatella Maiorca.

Nel 2010 partecipa al film La nostra vita di Daniele Luchetti insieme ad Elio Germano e vince il Nastro d’argento come migliore attrice non protagonista.

Nello stesso anno diventa anche la madrina della 67esima mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

LEGGI ANCHE —> Una luna chiamata Europa, trailer e trama del film con Merab Ninidze su Rai Quattro

Con il film La nostra vita riceve anche la prima candidatura ai David di Donatello del 2011.

Partecipa poi al film Il primo incarico diretto da Giorgia Cecere che le fa ottenere un’altra candidatura i Nastri d’argento come miglior attrice protagonista.

Tra i film di successo a cui partecipa c’è sicuramente Il giovane favoloso di Mario Martone in cui recita il ruolo di Paolina Leopardi.

Nel 2017 riceve un’altra candidatura ai Nastri d’argento come migliore attrice protagonista per il film Sole cuore amore.