Home News Coronavirus, ecco il gesto di Luciana Littizzetto

Coronavirus, ecco il gesto di Luciana Littizzetto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:37
CONDIVIDI

Gesto di Luciana Littizzetto per combattere l’emergenza e l’allarme sanitario il Coronavirus, che sta bloccando il Paese.

Luciana Littizzetto
Luciana Littizzetto

L’emergenza Coronavirus che sta bloccando il Paese sta portando alla mobilitazione di tantissimi vip e personaggi famosi. Inizialmente in molti hanno partecipato, tramite video postati sui loro canali social, dove invitavano le persone a restare a casa all’iniziativa #iorestoacasa. Ora però è partita la campagna solidale e di raccolta fondi. A dare il via sono stati Chiara Ferragni e Fedez, ma oggi è stata la volta di Luciana Littizzetto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, Chiara Ferragni e Fedez: il loro gesto è bellissimo

Coronavirus, Luciana Littizzetto: “Insieme possiamo farcela”

luciana littizzetto

La 55enne cabarettista ha annunciato il tutto con un lungo video pubblicato sul suo profilo Instagram. Il nome della campagna, di cui si è fatta garante e testimone, è riprendiamo fiato. Queste le sue parole: Ho deciso di far partire questa campagna per aiutare l’unità di crisi della Regione Piemonte. Ho sentito il Responsabile, il Dottor Raviolo, che mi ha detto che servono: dispositivi di protezione individuale per medici e sanitari impegnati nella lotta al Coronavirus, attrezzature per allestimento di posti in terapia intensiva e sub intensiva, mezzi e barelle ad alto e bio contenimento“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Albano: “Il Coronavirus è la Terza Guerra Mondiale”

La Littizzetto ha poi voluto fare un vero e proprio appello ai suoi fan e follower, ma non solo a loro: “Io faccio da garante e ho già fatto la mia donazione. Adesso però, se vi fidate di me, tocca a voi. Insieme possiamo farcela“. Ovviamente non sono tardati ad arrivare i tanti commenti. E se c’è chi apprezza e plaude il bel gesto ci sta anche chi fa un po’ polemica dicendo come “sarebbe meglio una campagna che aiuti a un sviluppare un vaccino o una cura”. Insomma, le reazioni non sono certo mancate.