Home Televisione Andrea Montovoli confessa: “Sono stato in carcere”

Andrea Montovoli confessa: “Sono stato in carcere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

Andrea Montovoli ha voluto parlare del suo passato a Verissimo in cui ha confessato di essere stato in carcere: un passato difficile per lui.

Andrea Montovoli
Andrea Montovoli

Non ha senz’altro avuto un passato difficile, Andrea Montovoli, e lo ha raccontato da Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo su Canale 5. Nella puntata di oggi infatti ha raccontato alcune cose davvero inaspettate riguardo al suo passato, come ad esempio il fatto che fosse un gioiello del calcio quando era piccolo.

La sua carriera, fino ai 12 anni, sembrava essere totalmente in discesa ma purtroppo qualcosa è andato storto. La morte del padre, infatti, lo ha portato a prendere strade diverse, a non capire più che cosa sia il bene e che cosa invece sia il male.

Ecco che cos’ha detto a Verissimo, svelando un passato davvero difficile ed inaspettato.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, Colorado: le conseguenze sono pesantissime

Andrea Montovoli: un passato difficile

Andrea Montovoli
Andrea Montovoli

Andrea Montovoli ha infatti iniziato a prendere strade impervie, quelle che nessun padre si augura che il figlio possa percorrere. Ma purtroppo lui un padre non ce l’ha più: una mattina, infatti, l’uomo più importante della sua vita viene a mancare e tutto il mondo sembra crollargli addosso.

TI POTREBBE INTERESSARE: Giulia De Lellis senza veli su Instagram: il particolare non sfugge

Smette di giocare ed inizia a prendere strade davvero brutte entrando nel giro della droga. Per fare soldi facili ci si ritrova in situazioni più grandi di te.

“Nel Gf fai un viaggio dentro di te, ma sei recluso con mura alte oltre 10 metri. E’ come stare in carcere, anche se ovviamente non voglio fare paragoni, ma un po’ è così.”

“Con questa storia posso essere da esempio per dire ai ragazzi di oggi di non fare le c*****e che ho fatto io. Se hai un obiettivo nella vita puoi raggiungerlo. Sono stato in carcere 6 mesi e poi in comunità. Ora sto bene e sorrido.”