Home News Matteo Salvini “contagiato” dal coronavirus: le conseguenze

Matteo Salvini “contagiato” dal coronavirus: le conseguenze

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:09
CONDIVIDI

Anche Matteo Salvini è stato “contagiato” dal coronavirus ed ha cambiato le sue abitudini: ecco che cos’ha fatto il leader della Lega.

matteo salvini coronavirus
matteo salvini coronavirus

Anche Matteo Salvini è stato “contagiato”, per così dire, dalla paura per il coronavirus: il leader della Lega, infatti, ha ufficialmente annullato dopo alcuni giorni di incertezza la sua festa di compleanno che si sarebbe dovuta svolgere il prossimo 9 marzo, quando nell’occasione il politico compirà 47 anni.

La decisione è stata presa con cognizione di causa per rispettare il volere delle autorità della Lombardia che hanno caldamente consigliato di non frequentare luoghi affollati, o comunque non creare situazioni in cui ci sarà un afflusso importante di persone.

Ricordiamo infatti che la festa, come da tradizione, si sarebbe dovuta svolgere al Principe di Savoia di Milano presso l’associazione Amici della Lirica, in cui gli invitati avrebbero dovuto essere, si legge su Affatiitaliani, circa 300.

Ecco quando verrà posticipato questo evento e la nuova data ufficiale che è già stata comunicata.

TI POTREBBE INTERESSARE: Matteo Salvini aveva previsto tutto su Sanremo 2020

Matteo Salvini e il coronavirus: annullata festa di compleanno

Matteo Salvini
Foto che ritrae Matteo Salvini (Fonte: Instagram dell’uomo)

Anche Matteo Salvini prende precauzioni importanti contro il coronavirus e, per questo motivo, ha prima annullato e poi rimandato al 6 aprile 2020 la data del suo compleanno in quel di Milano.

TI POTREBBE INTERESSARE: Fedez vs Matteo Salvini: “Sembra un testimone di Geova mancato”

Sul web è già scattata l’ironia in cui si prende il giro, come purtroppo spesso accade, il leader della Lega che ha sempre invitato tutti i cittadini italiani a non avere paura, pur apportando tutte le precauzioni del caso, a questa epidemia che ha contagiato a macchia di leopardo la nostra Italia.

La scelta, tuttavia, appare ponderata in relazione a ciò che le autorità hanno consigliato di fare: non si tratta chiaramente di stare in quarantena ma, allo stesso tempo, di evitare situazioni in cui si verrà a creare una vera e propria calca di persone.