Francesco Facchinetti Coronavirus: i fan non ci credono

Francesco Facchinetti ieri ha raccontato un episodio legato al panico per il Coronavirus. Ma in molti non ci hanno creduto.

Francesco Facchinetti schiaffi a due ragazzi
Francesco Facchinetti

Nella giornata di ieri Francesco Facchinetti ha raccontato su Twitter e su Instagram un episodio legato al Coronavirus. Questo quanto successo: “Vicino all’oratorio ci imbattiamo in una rissa. Due italiani giovani litigano con un anziano cinese, insultandolo e accusandolo di essere colpevole del Coronavirus. Ho cercato di spiegare ai ragazzi che il signore non c’entrava nulla. Finché a un certo punto hanno cominciato a prendere i sassi e tirarli contro il povero anziano ed è volato anche un pugno. A quel punto non ci ho visto più e li ho presi a schiaffi tutti e due. Denunciatemi pure ai carabinieri, ma se i vostri genitori non vi educano sarà la strada a educarvi. Nel nostro paese c’è un’ignoranza totale“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, le parole di Elisa De Panicis fanno scatenare il web

Francesco Facchinetti e la rissa per il Coronavirus: i fan non ci credono

Vieni da me Levante Diodato
A Vieni da me Francesco Facchinetti parla di Levante e Diodato

Il racconto ha però fatto sorgere qualche dubbio, come viene perfettamente dimostrato da alcuni commenti arrivati.  “Giusta dose di violenza, finale un po’ scontato. Ci metterei anche qualche elemento pepato, tipo la fidanzata di uno dei due che lo lascia e si limona il vecchio. Puoi fare di meglio”, questa la reazione di un follower.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, la decisione clamorosa di Chiara Ferragni

Insomma, l’ironia ha iniziato un po’ a farlo da padrone. E c’è addirittura chi ha citato Kenshiro: “Mah…io ho fatto sette anni alla Divina Scuola di Hokuto e non ti ho mai visto…”. E ci sono persino gli immancabili richiami cinematografici, toccando persino Mario Brega e il suo celeberrimo “Arzate ‘a cornuto arzate!”, tratto dal film ‘Borotalco’. E c’è anche chi ricorda Stanley Kubrick: “Secondo me stavi vedendo Arancia Meccanica e hai perso contatto con la realtà.” Insomma, in pochi credono al racconto di Facchinetti, che però, quantomeno per il momento, ha preferito non rispondere a quest’ironia e incredulità.

Gestione cookie