Home News Allarme Coronavirus, Tom Cruise bloccato a Venezia: cosa è successo

Allarme Coronavirus, Tom Cruise bloccato a Venezia: cosa è successo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:12

L’allarme Coronavirus sta colpendo anche il mondo del cinema. Ecco che cosa è successo a Tom Cruise, impegnato nelle riprese di ‘Mission Impossibile’.

Tom Cruise
Tom Cruise

Tom Cruise si trova a Venezia ed è impegnato nelle riprese di ‘Mission Impossibile 7’. Ma il noto attore, così come tutto lo staff del film, è alle prese con l’allarme Coronavirus, che vede proprio nel Veneto una delle maggiori regioni colpite. Il divo di Hollywood e la troupe dovevano girare alcune scene del film in Laguna per le prossime tre settimane. Tutto però è stato bloccato e fermato per l’emergenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Allarme Coronavirus, ecco cosa è successo al GF

Allarme Coronavirus, Tom Cruise bloccato a Venezia: cosa è successo

Nelle scorse ore il noto tabloid britannico ‘Daily Mail’ ha parlato di un attore bloccato e barricato nel proprio albergo di lusso, vista la difficile situazione che si è venuta a creare negli ultimi giorni. Tutto era pronto in quel di Venezia, dove si sarebbero dovute effettuare le riprese di “Mission Impossible 7” con troupe e parte del cast già arrivati in terra lagunare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, l’ammissione di Heather Parisi

Il media inglese ha sottolineato come Tom Cruise sarebbe stato rinchiuso nel lussuoso Gritti Palace insieme ad altri in attesa del via libera per poter rientrare negli Stati Uniti. Permesso che comunque dovrebbe essere arrivato nelle ultime ore. La produzione ha così deciso di rinviare le riprese italiane del film. “Per la sicurezza e il benessere del nostro cast e della nostra troupe e per la volontà del governo locale veneziano di fermare le riunioni pubbliche in risposta alla minaccia del coronavirus, stiamo modificando il piano di produzione per le nostre tre settimane da girare a Venezia”, ha detto un portavoce della Paramount in una nota rilasciata al portale The Wrap. Insomma,  anche il cinema sta pagando delle conseguenze.