Home Televisione Dottie Vite Al Limite oggi: il cambiamento è deludente

Dottie Vite Al Limite oggi: il cambiamento è deludente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:33
CONDIVIDI

Dottie Perkins di Vite Al Limite è stata una delle protagoniste assolute della quarta stagione del programma: come sta oggi e quanti chili ha perso?

Dottie perkins vite al limite
Dottie perkins vite al limite

Dottie Perkins di Vite Al Limite è stata una delle protagoniste assolute della quarta stagione del programma che va in onda su Real Time, canale 31 del Digitale Terrestre. La donna, complice un rapporto davvero difficile con la madre, era arrivata ad acquisire davvero tantissimi chili e, per questo motivo, aveva sofferto tantissimo.

Il matrimonio sembrava aver risolto tutti i suoi problemi con la madre ma purtroppo a suo figlio è stata diagnosticata una paralisi cerebrale che l’avevano fatta andare in depressione a tal punto che all’inizio la donna aveva rifiutato di seguire la ferrea dieta fatta dal dottor Nowazaradan ma, per fortuna, ha dovuto ben presto ricredersi e seguire tutti i suoi consigli. I risultati, però, sono stai molto deludenti e non poteva essere altrimenti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Kelly Mason di Vite Al Limite è morta?

Dottie Perkins Vite Al Limite oggi: chili persi e nuova vitavite al limite

Dottie Perkins di Vite Al limite, che durante il programma aveva 34 anni, all’inizio del percorso della durata di 12 mesi ripreso dalle telecamere pesava 291 chili e, dopo un anno, è arrivata a perdere soltanto 55 chili arrivando ad un nuovo peso totale di 236 kg.

LEGGI ANCHE: Milla Clark Vite al limite, il suo sogno speciale

Sebbene questi possano sembrare tanti, in realtà per un paziente obeso in generale è davvero poca cosa e, per questo motivo, né lei né tanto meno il dottore non sono rimasti soddisfatti del loro percorso insieme.

Oggi come sta la donna di 34 anni che è nativa di Oxford, in Massachussetts? Purtroppo non se la passa molto bene dal momento che suo figlio di 13 anni è morto e questo è stato un duro colpo per lei. Speriamo tutti che si riprenda da questo dolorosissimo trauma umano.