Home News Riccardo Zanotti Pinguini Tattici Nucleari: “Ecco perché ci chiamiamo così”

Riccardo Zanotti Pinguini Tattici Nucleari: “Ecco perché ci chiamiamo così”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:33
CONDIVIDI

I Pinguini Tattici Nucleari sono tra i protagonisti di questo Festival di Sanremo. Ma cosa deriva il loro nome? A spiegarlo è Riccardo Zanotti.

Riccardo Zanotti Pinguini Tattici Nucleari chi è? Età, fidanzata, Londra
Riccardo Zanotti Pinguini Tattici Nucleari

I Pinguini Tattici Nucleari sono, con la canzone ‘Ringo Starr’, tra i protagonisti di questa 70esima edizione del Festival di Sanremo, che è oramai entrata definitivamente nel vivo. Il gruppo, noto soprattutto ai più giovani, è senza alcun dubbio una delle più grandi novità che si presentano quest’anno sul palco dell’Ariston.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Georgina Rodriguez. il suo cachet di Sanremo donato in beneficenza

Riccardo Zanotti Pinguini Tattici Nucleari: “Ecco perché ci chiamiamo così”

I Pinguini Tattici Nucleari negli ultimi anni si sono fatti notare soprattutto su YouTube, ma il loro primo album è comunque uscito nel 2014 La domanda che però si sono posti in molti è: perché questo nome? A rispondere è il frontman del gruppo, Riccardo Zanotti: “Il nome Pinguini Tattici Nucleari deriva dal nome di una birra scozzese a gradazione piuttosto alta, la Tactical Nuclear Penguin. Devo ammettere però che il nome della band, però, non ci piace molto, anche perché non siamo stati noi a sceglierlo. Lo hanno scelto i primi componenti della band, Bernu e Claudio, che si sono trovati davanti la birra scozzese in un pub di Brescia. Da quel giorno non possiamo cambiarlo, ma con il tempo abbiamo visto che il nome Pinguini Tattici Nucleari funziona“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Riccardo Zanotti, chi è il frontman dei Pinguini Tattici Nucleari

E intanto, finita l’avventura il Festival di Sanremo, i Pinguini Tattici Nucleari partiranno per un atteso tour che toccherà molti palazzetti italiani. Si parte da Pordenone (27 febbraio), per poi toccare Milano (29 febbraio, sold out), Padova (2 marzo), Firenze (3 marzo), Roma (6 marzo), Bologna (12 marzo), Montichiari (14 marzo) e Torino (16 marzo); in chiusura una seconda data a Milano (19 marzo). Insomma, il successo sta davvero diventando di quelli importanti