Home News Denis Dosio vs hater, la risposta è esilarante

Denis Dosio vs hater, la risposta è esilarante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:29
CONDIVIDI

Denis Dosio sarà uno degli ospiti di Pomeriggio Cinque, in onda tra poco su canale cinque con Barbara D’Urso.

Denis Dosio
Denis Dosio

La conduttrice e pilastro importante di canale cinque ha appena rilasciato la prime anticipazioni sui temi e gli argomenti che verranno trattati tra poco in puntata.

Tra i tanti ci sarà in studio anche l’influencer che tante volte è stato protagonista nello studio di Barbara D’Urso e che di recente è stato protagonista di un duro scontro con “i leoni da tastiera” del web.

Leggi anche: SILVIA PROVVEDI E’ INCINTA

Denis Dosio vs hater

Denis Dosio, noto influencer e star de web è sbarcato da poco nel mondo di instagram, diventando in poco tempo virale e seguito da tutti.

Quello che però colpisce è anche il fatto che seppur cosi giovane è già uno dei personaggi più bersagliati del web da parte dei cosidetti “leoni da tastiera” come ama definirli lui stesso.

Solo poche settimane fa, tra un messaggio e un altro, il giovane influencer ha risposto ad alcuni insulti presenti nel suo profilo social, con queste parole:” Io mi sto ponendo un quesito. Ma sono più cogl**ne io o tu che ti sei guardato tutte le mie ventisette stories precedenti antecedenti a questa qui per arrivare a questa qui, commentare cogl**ne e guardare anche le prossime che pubblicherò? Non lo so, io avrei già una risposta”.

Risposta che in poco tempo ha fatto il giro del web anche per il fatto di non aver avuto nessuno pronto a controbattere.

Conosciamo meglio la star del web

 

Youtuber e influencer ha cominciato lavorando nel mondo del web, ma il vero successo e i milioni di followers sono arrivati dopo la partecipazione ai programmi mediaset di Barbara D’Urso.

In una delle occasioni, il giovane ragazzo ha anche raccontato di essere stato vittima di bullismo da parte di alcuni ragazzi che in passato lo hanno bloccato in bagno e poi filmato per postare il video in rete.

A nulla sono valsi i suoi tentativi di liberarsi o di usare il telefono per chiamare aiuto, cosa che ha provato a fare fin da subito, da quando ha sentito i pugni che gli altri ragazzi davano alla porta.