Home Televisione Chef Rubio contro Matteo Salvini: “Ti farò vergognare d’esistere”

Chef Rubio contro Matteo Salvini: “Ti farò vergognare d’esistere”

Chef Rubio e Matteo Salvini non si sono molto simpatici, per così dire. A pochi giorni di distanza dall’ennesimo diverbio social, eccone un altro.

chef Rubio

Il popolare cuoco di Unti e Bisunti e il leader della Lega si sono resi protagonisti di un ennesimo scontro social, su Twitter nello specifico. Un botta e risposta scaturito da alcuni post di Rubio, riguardanti il conflitto in Israele. Esternazioni che a Salvini proprio non sono piaciute, “costringendolo” ad andarci pesante con le parole. A sua volta, anche lo chef ha voluto dire la sua col solito tono colorito e diretto che lo contraddistingue.

Solo poche settimane fa i due avevano battibeccato per via del Tweet di Rubio sulla sparatoria di Foggia, costata la vita a due agenti. Nel Tweet, il cuoco aveva criticato i metodi di preparazione degli agenti, ritenendoli del tutto inadatti sul campo e dunque innescando paura nei cittadini, non adeguatamente protetti. Questo il commento di Salvini: “Non sei uno chef, sei uno stupido”.

Leggi anche –> Chef Rubio, Alla ricerca del gusto perduto: “Su quel tweet” (ESCLUSIVA)

Chef Rubio VS Matteo Salvini

Tutto è nato da alcuni Tweet di Rubio in merito alla situazione di guerra in Israele. Tra i vari post, in uno ha pubblicato un video del 2016, che mostra un giovane colpito a morte dagli israeliani. Accanto alla bandiera del Paese l’espressione: “Esseri abominevoli”.

Di parere completamente diverso Matteo Salvini, che per questo motivo ha pubblicato sul suo account Twitter una foto di Gabriele Rubini con scritto: “Ufficiale: bisogna riaprire i manicomi!”.

Ma Rubio a passare per pazzo visionario non ci sta ed ecco servita su un piatto d’argento la risposta: “Solo i vigliacchi senza pa**e come te possono scrivere impunemente con così tanta insensibilità di carcere, detenuti, manicomi e malattie mentali. Prima o poi ci incontreremo faccia a faccia e ti farò vergognare d’esistere. No Matteo Salvini, non sarà dalla D’urso. Spregevole”.