Home Televisione Pamela Prati torna in tv e attacca Barbara D’Urso: “22% di share...

Pamela Prati torna in tv e attacca Barbara D’Urso: “22% di share sulla mia pelle”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:19
CONDIVIDI

Torna in tv e ribadisce la sua estraneità ai fatti, la sua innocenza. Ma Pamela Prati ne ha non solo per chi l’ha presa in giro, ma anche per chi ci ha marciato sopra.

pamela prati paola pireddu

Ospite di Massimo Giletti a Non è l’Arena Pamela Prati è stata duramente attaccata da Roberto D’Agostino, che non crede alla sua versione dei fatti, ma la considera una complice a tutti gli effetti delle sue due ex agenti, Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo.

Leggi anche –> Pamela Prati a Verissimo: “Spero ancora che Mark Caltagirone esista”

Pamela Prati contro Barbara D’Urso

Visibilmente commossa la showgirl ha detto di aver vissuto molto male quest’ultimo periodo, che essere sfruttati e manipolati è qualcosa di devastante. La Prati non ce l’ha solo con chi ha architettato, a suo dire del tutto alle sue spalle, tutto il Prati Gate il Pratiful o come lo si voglia chiamare. La sua rabbia è anche per chi ci ha marciato sopra. E qui torna a fare riferimento a Barbara DUrso: “Ci ha fatto 10 puntate con il 22% di share”.

Eppure la versione di Pamela Prati non convince tutti, benché tanti fan siano dalla sua parte. In studio, Roberto D’Agostino, fondatore di Dagospia e primissimo a far emergere il cumulo di bugie e teatrini che aleggiavano intorno alla Prati (finto matrimonio, finto fidanzato, figli inesistenti…), l’ha attaccata duramente.

“Sei stata complice – le ha detto senza mezzi termini – Se non c’ero io a fare quell’inchiesta, la cosa finiva con un bel servizio a Verissimo, beccavano 30 – 40 mila euro, prendevano un disgraziato che diceva di essere Mark Caltagirone, la foto con l’abito da sposa era già su Gente e sarebbe finito così. Come hanno fatto tante mezze calzette”.

Il giornalista ha analizzato un intero sistema televisivo e dello spettacolo, fondato su queste menzogne, sulla filosofia dell’essere disposti a tutto pur di apparire e monetizzare: “La storia di Pamela è la spia di quella che è diventata la celebrità contemporanea. I morti di fama come li chiamo io”.