Home Televisione Alessandro Siani orgoglioso della sua città: “Nascere a Napoli, la mia fortuna”

Alessandro Siani orgoglioso della sua città: “Nascere a Napoli, la mia fortuna”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40
CONDIVIDI

Alessandro Siani è un comico affermato, la sua carriera abbraccia cinema, teatro e televisione. Nel suo petto batte un cuore orgogliosamente napoletano.

alessandro siani

Una puntata speciale di Domenica In, visto che oggi è il compleanno della padrona di casa, la zia Mara Venier. Tantissimi gli ospiti che hanno festeggiato con lei in puntata, tra cui il comico Alessandro Siani, che per l’occasione le ha portato anche dei fiori.

Leggi anche –> Salvo Sottile contro Alessandro Siani: “Non è un comico e non fa ridere”

Alessandro Siani, orgoglio partenopeo

Era il 2004: Alessandro Siani entrava negli studi di Domenica In col suo motorino, protagonista dei primi sketch del comico partenopeo, urlando “Grande Mara Venier!”. E a distanza di 15 anni i due si sono ritrovati, ancora a Domenica In. “Da allora sei diventato una star”, gli ha detto lei, che ha ripercorso la carriera di Siani tra cinema e teatro. Una carriera in cui sente di avere avuto sì fortuna, ma di avere anche ancora tanto da fare e da imparare.

“In ogni cosa che faccio c’è tanto sentimento. Ma quando mi sveglio la mattina mi sento sempre un nessuno, uno che deve ripartire sempre da zero. Io ho avuto una grande fortuna: nascere a Napoli. Essere di Napoli significa avere un privilegio. Ma va detto anche che chi parte dal Sud deve dimostrare le cose due volte, perché dietro c’è un grande pregiudizio”.

Alessandro Siani ricorda Pino Daniele

Chiaramente c’è stato spazio per le risate, ma anche per momenti più profondi. Non a caso Mara Venier ha ricordato il monologo portato da Siani sul palco di Sanremo, in cui aveva parlato d’amore, in tutte le sue forme. “L’amore è un biglietto di andata e ritorno, quello che dai quello ricevi”, aveva detto in quell’occasione, omaggiando il compianto Pino Daniele, come lui orgogliosamente napoletano e innamorato della sua città.

“Manca Pino, manca il suo pensiero. Non era solo una voce, ma un’icona, Napoli non doveva assolutamente perderlo così presto. Con me aveva un rapporto incredibile, dal 2008. Aveva scritto le musiche per un mio film, ma con una tale passione, un tale sentimento”.