Home News Beppe Bigazzi morto, quella “battuta” che gli costò la sospensione

Beppe Bigazzi morto, quella “battuta” che gli costò la sospensione

Beppe Bigazzi , il volto della trasmissione “La prova del cuoco” è morto oggi lasciando tutti di sasso. La sua battuta più “celebre” gli costò la sospensione

Beppe Bigazzi è morto

Beppe Bigazzi, il volto noto e amato della trasmissione “La prova del cuoco” è morto oggi lasciando i fan sbigottiti.

Beppe Bigazzi, non si fa oggi che parlare di lui…

Oggi, 9 ottobre, non si fa che parlare di lui, delle sue “imprese” delle sue apparizioni e dei suoi scandali.

Primo fra tutti, una frase che gli costò la sospensione dalla Rai per ben tre anni.

Bigazzi, oggi sui social i fan gli hanno reso omaggio con i messaggi più svariati.

In tanti hanno ricordato le celebri apparizioni del critico, le sue battute a volte feroci e soprattutto la sua passione che gli costò la sospensione.

Quale battuta gli costò la sospensione?

Di cosa stiamo parlando? Bigazzi aveva una vera e propria passione per la carne di gatto.

Il gastronomo affermò di avere assaggiato la carne di gatto in umido e che gli era anche piaciuta.

Dopo tutto, quella era una pietanza molto in “voga” negli anni’40. La frase ovviamente non poteva passare inosservata e gli costò l’allontanamento “triennale”.

L’aveva mangiata davvero? Sembra proprio di si

 

leggi anche–>Beppe Bigazzi è morto, addio al personaggio de La Prova del cuoco