Home News Carlo Verdone erede Alberto Sordi, racconta: “Una volta mi prese a schiaffi”

Carlo Verdone erede Alberto Sordi, racconta: “Una volta mi prese a schiaffi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:04

Carlo Verdone sarà protagonista di Techetechete e per molti è l’erede ufficiale di Alberto Sordi. L’attore e regista ha raccontato del loro rapporto e ha raccontato un particolare.

Carlo Verdone erede Alberto Sordi

Non tutti sanno che Carlo Verdone è figlio del noto critico cinematografico Mario e che la sua casa è stata sempre frequentata dai più grandi e autorevoli nomi del cinema italiano.

Un assiduo frequentatore della sua casa era Alberto Sordi, con il quale il piccolo Carlo – a dispetto di quello che si possa pensare- non andava troppo d’accordo.

Sordi era già un volto noto del cinema e si divertiva a sparare battute sul piccolo Carlo, che non apprezzava.

Carlo Verdon erede di Alberto Sordi, il loro rapporto

Carlo Verdone è ritenuto all’unisono l’erede di Alberto Sordi, il grande attore romano che con la sua scomparsa ha lasciato un grande vuoto nel mondo del cinema.

Dopo gli aspri rapporti avvenuti in giovinezza i due si sono letteralmente innamorati gli uni con gli altri.

Con la visione e lo studio dei sui film, Verdone, non ha potuto non rimanere affascinato da quella “grande maschera, nella quale erano presenti tanti tic comportamentali che ci appartenevano in qualche modo” e della sua “sensazionale rapidità d’esecuzione della battuta”.

Lo schiaffo

Il primo incontro con Alberto Sordi, Verdone lo ricorda ancora oggi “Ero un ragazzino e gli chiesi l’autografo, lu mi prese subito in giro” la maschera romana gli disse ” Tu sei russo e a te non lo faccio”.

Verdone affermò di essere romano e lui “Sei di Mosca? Sei russo?” aggiungendo poi che nel dire questo lo prendeva a schiaffi.

Verdone rimase molto deluso e triste della vicenda tanto da dire “Alberto mi fece quasi piangere”.